Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Imposta sui titoli, il conto direttamente al cliente

Sarà il cliente a dover pagare la nuova imposta di bollo gravante su titoli, prodotti finanziari e rapporti bancari. Lo chiarisce Assofiduciaria nella circolare Com-2013-006 diffusa ieri alle associate e che segue quella datata 31 gennaio 2013 con la quale sono state date istruzioni su termini e modalità di applicazione della nuova imposta da parte delle fiduciarie alla luce di quanto previsto dall’Agenzia delle Entrate con la circolare 48/E del 21 dicembre scorso. Con la circolare numero 6 l’associazione delle fiduciarie chiarisce che deve intendersi compreso tra gli obblighi del fiduciante quello relativo al pagamento delle imposte e pertanto la fiduciaria deve ritenersi, almeno contrattualmente, sollevata dall’onore fiscale. In assenza di più precise norme contrattuali relativamente alle modalità con le quali la fiduciaria può creare la provvista necessaria per far fronte al pagamento della nuova imposta è tuttavia suggeribile per le fiduciarie dare comunicazione al fiduciante dell’intervenuta novità fiscale (l’imposta di bollo appunto) e del conseguente obbligo di pagamento. Sarà bene, secondo l’associazione, unire alla citata comunicazione la richiesta dei fondi necessari a far fronte al pagamento della tassa che, si ricorda, per l’anno 2012 non potrà superare i 1.200 euro ma che negli anni successivi sarà esclusivamente rapportata percentualmente al patrimonio finanziario intestato alla fiduciaria per conto del cliente.Qualora la fiduciaria non ricevesse o richiedesse istruzioni in tempo utile dovrà comunque ritenersi autorizzata a provvedere al pagamento della relativa imposta utilizzando le disponibilità del cliente per conto e nell’interesse del quale opera in qualità di mandatario. In attesa di vedere chiariti alcuni aspetti connessi all’applicazione della nuova imposta nella circolare del 31 gennaio l’assofiduciaria ha invece precisato che la nuova imposta di bollo non andrà applicata sulle quote di srl detenute in Italia per il tramite di società fiduciaria mentre la stessa dovrà essere applicata nel caso di conti metallo o depositi aventi ad oggetto materie prime come argento o oro.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa