Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Immobilizzazioni, nuovo look

Le immobilizzazioni materiali debbono essere rilevate nel momento in cui avviene il trasferimento dei rischi e dei benefici connessi al cespite acquisito: la bozza del nuovo Oic 16, pubblicata dall’Organismo italiano di contabilità per tenere conto delle novità di cui al dlgs. 139/2015, abbandona la forma giuridica per sposare, ai sensi del numero 1-bis dell’art. 2423-bis c.c, il nuovo principio della sostanza economica. Si tratta di un cambiamento importante: il paragrafo 31 del documento in consultazione disancora definitivamente, infatti, l’iscrizione dei fattori produttivi pluriennali dalla loro proprietà. Ciò che conta è ora il trasferimento dei rischi e dei benefici in piena sintonia, quindi, con quanto accade con i principi contabili internazionali. La scelta dello standard setter, condivisibile e probabilmente inevitabile, accende però i riflettori sulla locazione finanziaria: la modalità di rappresentazione del leasing finanziario è incompatibile con la regola d’iscrizione in parola. Il dlgs. 139/2015 ha implicitamente confermato, nonostante le forti critiche espresse dalla dottrina e da parte degli operatori, la contabilizzazione “ibrida” della locazione finanziaria ossia proprio quella che trasferisce proprio i rischi e benefici del cespite (al locatario): la nuova disciplina civilistica mantiene infatti sia l’obbligo di evidenziare, nello stato patrimoniale del proprietario, i beni concessi in leasing che la necessità di fornire, nella nota integrativa dell’utilizzatore, la rappresentazione derivata dallo Ias 16 di cui al prospetto ex numero 22-bis dell’art. 2427 c.c. Sulla scelta del legislatore, motivata con l’attesa delle nuore regole internazionali sul leasing (l’Ifrs 16 è stato approvato dallo Iasb lo scorso gennaio), dovrà intervenire lo standard setter nazionale – spiegandone meglio la portata e la valenza – in sede di aggiornamento dell’Oic 12, ossia il principio contabile dedicato agli schemi del bilancio d’esercizio.Novità anche in tema di rilevazione delle plusvalenze e minusvalenze derivanti dalla cessione delle immobilizzazioni materiali. Ricordiamo, infatti, come il d.lgs. 139/2015 abbia eliminato dal conto economico – ancora una volta in conseguenza delle previsioni internazionali – l’intera area straordinaria. Quest’ultima era popolata proprio dai ricavi e dai costi sostenuti in conseguenza dell’alienazione dei cespiti in parola, in particolare laddove non fosse stata la conseguenza della fisiologica sostituzione dovuta al loro normale deperimento. La bozza dell’Oic 16 prevede che tutte le plusvalenze e minusvalenze derivanti dalla cessione delle immobilizzazioni materiali siano ora collocate nella parte alta del conto economico, nello specifico nella voce A.5 – altri ricavi e proventi o nella voce B.14 – oneri diversi di gestione.

Andrea Fradeani

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa