Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Illimity, jv con Fabrick

Il cda di illimity Bank, Banca Sella Holding, Fabrick e Hype hanno approvato l’accordo per l’ingresso di illimity in Hype dando origine a una joint venture pariteticamente controllata da illimity e Fabrick (fino ad ora azionista al 100% di Hype e a sua volta controllata da Banca Sella Holding). Obiettivo: accelerare la crescita di Hype, che già serve 1,3 milioni di clienti, e i piani di sviluppo di illimity nello specifico segmento.

L’accordo prevede di far confluire in Hype le nuove soluzioni di open banking di illimity. «Nel segmento degli operatori non bancari abbiamo colto l’opportunità di allearci al leader italiano per essere un operatore che diventi un vero benchmark di settore» ha detto Corrado Passera, fondatore e a.d. di illimity. Pietro Sella, a.d. del gruppo Sella e presidente di Fabrick, ha dichiarato l’obiettivo di realizzare «con illimity la prima challenger bank italiana. La jv sarà guidata da Antonio Valitutti, attuale ceo di Hype, e Carlo Panella, di illimity sarà presidente.

In dettaglio, in Hype confluiranno le nuove soluzioni di open banking di illimity per entrare nel segmento di mercato delle piattaforme digitali non-bancarie di servizi finanziari e di pagamento, e i servizi ad esse connessi.

Inoltre, l’intesa prevede che illimity acquisti il 50% di Hype attraverso una serie di operazioni societarie. Sottoscrizione da parte di illimity di un aumento di capitale riservato in Hype pari a 30 mln di euro, coerente con il fabbisogno finanziario necessario per supportare lo sviluppo previsto dal piano industriale di Hype; conferimento da parte di illimity in Hype di alcune attività, risorse e tecnologie afferenti il progetto di open banking funzionale al piano industriale di Hype; conferimento da parte di Fabrick in illimity di azioni Hype a fronte di azioni illimity di nuova emissione pari al 7,5% del capitale per un controvalore di circa 45 mln di euro; assegnazione a Fabrick di un diritto a ricevere ulteriori azioni illimity di nuova emissione (senza aumento del capitale sociale) per un ulteriore 2,5% circa del capitale condizionato al raggiungimento da parte di Hype di determinati obiettivi di redditività nel 2023-2024 (earn-out).

Nell’ambito degli accordi tra le parti, l’operazione prevede che Banca Sella Holding sottoscriva per cassa al perfezionamento dell’operazione un ulteriore aumento di capitale sociale in illimity per 16,5 milioni di euro, con esclusione del diritto di opzione (pari al 2,5%), per una partecipazione complessiva del gruppo Sella al perfezionamento dell’operazione del 10%. Per effetto dell’operazione, illimity emetterà complessivamente fino a 9,4 mln circa di nuove azioni, di cui 7,3 mln circa al perfezionamento dell’operazione e ulteriori 2,1 mln complessivi entro il 2025 condizionati al raggiungimento dei predetti obiettivi di piano industriale di Hype di lungo periodo. Il prezzo di emissione delle nuove azioni illimity è stato negozialmente determinato in 8,337 euro, avuto riguardo al prezzo di Borsa nell’ultimo mese. Il perfezionamento dell’operazione è atteso entro la fine del 2020, previe deliberazioni delle assemblee delle parti coinvolte e subordinatamente al rilascio delle autorizzazioni da parte delle autorità di vigilanza competenti. Illimity procederà alla pubblicazione delle relazioni illustrative per la propria assemblea degli azionisti, cui sottoporre le proposte di delibera per l’approvazione dell’operazione, che si prevede possa tenersi nel corso del mese di dicembre.

Al 30 giugno 2020 Hype aveva un risultato netto negativo semestrale di circa 8 mln di euro. Complessivamente questa iniziativa genererà un impatto incrementale positivo al risultato netto di illimity, che si stima possa complessivamente attestarsi nell’intorno di circa 10 mln nel 2023. Il gruppo Sella registrerà complessivamente un impatto positivo sul Cet1 ratio di 41 bps.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa