Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il turismo vale il 10% del Pil. Ecco chi lo sfrutta meglio

Come possedere una miniera d’oro e usarla solo per arrivare a fine mese. Il turismo per l’Italia potrebbe rappresentare uno dei driver più potenti di crescita e risalita dalla crisi. Invece vivacchia dibattendosi tra ritardi, inefficienze e carenze. Malgrado tutto però il settore produce un rilevante impatto economico: 161,2 miliardi di euro sono stati i ricavi prodotti dal turismo nel 2012, rappresentando il 10,3% del Pil totale.
Nel 2012 le presenze complessivamente registrate in Italia sono state oltre 845 milioni, di cui il 42,7% in strutture ricettive e il 57,3% in abitazioni private. Di queste circa il 60% è rappresentato dal turismo interno. Il restante 40%, invece, da quello internazionale. Tra i turisti stranieri che si recano in Italia, i tedeschi sono in prima linea con una quota di circa il 33% del totale.
Proprio l’Istituto Tedesco Qualità e Finanza ha svolto un’indagine finalizzata a paragonare l’offerta turistica di tutte le regioni e delle principali città italiane. Il Belpaese, forziere di un patrimonio culturale che non ha pari nel mondo, con le sue città d’arte, i gioielli naturalistici e i centri di pellegrinaggio religioso, offre una serie di modelli turistici diversificati.
Le Regioni
Il primo riconoscimento dell’indagine riguarda l’accoglienza: è il Trentino Alto Adige che si aggiudica il trofeo di regione più accogliente d’Italia. La classifica viene calcolata tenendo conto del numero dei turisti che visitano ciascuna regione e del giudizio sul sistema alberghiero fornito dagli stessi visitatori (attraverso il famoso sito Tripadvisor). I dati Tripadvisor non rappresentano l´intera popolazione dei turisti in Italia. Nonostante ciò, questi dati sono di estrema importanza dato l’elevato numero dei giudizi contenute nel portale: le valutazioni sugli alloggi e sulle attrazioni delle regioni si basano, infatti, su un campione totale di oltre mezzo milione di opinioni.
Quella del Trentino Alto Adige può essere definita, quindi, l’area che registra più presenze turistiche con la migliore valutazione media degli alloggi. A seguire troviamo Marche, Veneto, Campania e Toscana che si guadagnano lo scudetto di «Top regione accoglienza».
A volte il successo di una destinazione è frutto di una serie di componenti diverse. Se invece volessimo conoscere la regione che possiede più attrazioni turistiche (intese come tali quelle culturali, i musei, gli spettacoli, i divertimenti, la vita notturna, lo shopping) scopriremmo che a vincere la competizione è il Lazio (trainato da Roma) seguito da Toscana, Lombardia, Campania, Veneto e Sicilia.
Il Trentino Alto Adige centra una prestigiosa accoppiata aggiudicandosi anche il titolo di «Regione vacanze Numero 1», un riconoscimento ottenuto incrociando i tre criteri di valutazione (presenze turistiche, valutazione degli alloggi, valutazione e numero delle attrazioni). Gli imbattibili trentini sono seguiti dalla Toscana, dal Veneto e dalla Campania.
Le città
Con la stessa logica sono state individuate le città più attrattive e le destinazioni turistiche più competitive e non mancano le sorprese. Roma e Milano, ad esempio, hanno un buon rendimento per presenze e attrazioni ma in testa alla classifica delle città più visitate non poteva che esserci Venezia seguita dalla stessa Roma e dalla sorprendente Verona. Ancora più inedita la classifica delle città con i migliori alberghi e alloggi: secondo le opinioni degli utenti Tripadvisor, al primo posto troviamo Verona che vince la classifica per la valutazione delle migliori sistemazioni per soggiornare, seguita da Catania, grazie a Taormina, e Venezia.
Nel campo delle città con più attrazioni invece non ci sono sorprese: Roma, Firenze, Milano e Venezia si confermano le «fantastiche quattro». Ma il riconoscimento più atteso è un altro: qual è la citta italiana numero 1 per il turismo? L’immortale Venezia, la città dei dogi svetta in una classifica che tiene conto dei tre criteri di valutazione: le presenze registrate nelle province e nelle città analizzate; la valutazione degli alloggi e infine il numero e la valutazione delle attrazioni turistiche.
Dietro il Leone di San Marco si piazza l’outsider Verona (che gode soprattutto dell’indotto del lago di Garda) seguita da Firenze e Roma. Queste le miniere ma l’oro che se ne estrae è ancora troppo poco.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa