Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il trader di Wall Street che molla tutto per comprare mille taxi a Buenos Aires

Dopo 23 anni passati a fare il trader per Goldman Sachs, Merrill Lynch e in proprio con il suo hedge fund, Russell Abrams ha deciso di cambiare vita. Facendo la scommessa più ardita della sua esistenza: mettere assieme una gigantesca flotta di taxi a Buenos Aires. Incurante dei rischi di default argentino, dell’inflazione al 40%, della recessione e della svalutazione del peso, il 48enne veterano di Wall Street ha deciso di mettere mano al portafoglio e investire 100 milioni di dollari nel suo nuovo sogno. Senza rimorsi.

«Quello dei taxi è un business affascinante», ha spiegato Abrams ai giornalisti, ricordando che sua moglie è argentina e quando a 21 anni è approdato a Buenos Aires per la prima volta. «Quando fai il trader in opzioni vivi in una specie di mondo virtuale, mentre questo è reale: vedi le automobili, parli coi tassisti. È più tosto che stare a Wall Street, ma si guadagna di più».

Dietro al sogno di Abrams, in realtà, c’è un calcolo assai più prosaico del parlare coi tassisti. I prezzi delle licenze sono più che raddoppiati in sei anni, e l’ex trader prevede che triplicheranno nei prossimi cinque anni, raggiungendo i livelli di Montevideo e Santiago. Quindi tanto vale rastrellare licenze adesso, in piena recessione, con i tassisti che hanno bisogno di cash. Secondo gli esperti, a Buenos Aires investire nei taxi può generare ritorni annui tra il 25% e il 48%. Abrams punta a mettere assieme una flotta di mille auto, incurante del limite teorico di 200 licenze (che punta ad aggirare elegantemente costituendo cinque società da 200 vetture ciascuna).

Del resto, la storia di Abrams anche senza taxi è già degna di un film. Assunto in Goldman, sostiene di aver studiato strategie sui derivati assieme a Fischer Black, il famoso economista americano che ha inventato l’equazione di Black&Scholes per calcolare il prezzo delle opzioni. Dopo un passaggio a Merrill Lynch, nel 2001 fonda il suo hedge fund, Titan Capital Group. Nel 201o verrà citato in giudizio da un cliente, convinto di essere stato ingannato sulle strategie hedge di Titan e sul livello di rischio, ma la corte darà ragione ad Abrams. Ah, tra l’altro nel 2009 Russel era già stato citato in giudizio per molestie sessuali da due dipendenti, costretti a stampare foto della moglie in topless. L’anno scorso la chiusura dell’hedge e l’inizio della nuova avventura. Stavolta in taxi. Buon viaggio, Abrams, e cerca di non schiantarti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa