Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il Tesoro apre al Qatar nasce una società comune per investire in settori chiave

MILANO — Sarà anche uno scatolone di sabbia rovente affacciato sul Golfo Persico. Ma siede sulla più grande riserva di gas del mondo. Con i suoi 120 miliardi di metri cubi estratti all’anno, il Qatar è il quinto produttore assoluto. Una ricchezza che ha trasformato l’Emirato retto dalla famiglia al-Thani in uno dei paesi più ricchi per Pil pro capite (91.380 dollari a testa, quando gli Usa si fermano a 45.900 e la zona euro a 34.200). Ecco spiegato il perché dell’alleanza sottoscritta ieri dal governo italiano. Il premier Mario Monti è volato a Doha, capitale dello stato arabo, per presenziare alla nascita della joint venture tra il Fondo Strategico della Cassa Depositi Prestiti e la Qatar Holding llc, società controllata dal fondo sovrano alimentato dai proventi della vendita del gas. Per la Cdp guidata dall’ex banchiere Giovanni Gorno Tempini la prima alleanza internazionale che aumenta la disponibilità di spesa del Fondo strategico.
Assieme, italiani a qatarini, hanno fondato una società battezzata “IQ Made in Italy venture”. Nome complesso, per un obiettivo concreto: dotata di un capitale iniziale di 300 milioni di euro, destinato a crescere fino a 2 miliardi nei prossimi quattro anni, si pone l’obiettivo di investire «in settori dell’eccellenza dell’economia italiana – come recita il comunicato ufficiale dell’operazione – e che possono dare un contributo all’export italiano con un grosso potenziale». E in quali settori? Alimentare e grande distribuzione, moda e lusso, arredamento e design, turismo, tempo libero. «Aprire agli investimenti stranieri – ha voluto sottolineare il presidente Monti non vuole dire svendere gli asset fondamentali del paese ma si tratta invece di una grandissima opportunità». Ma anche il segnale che qualcosa è cambiato nei confronti del nostro paese.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Generali, atto secondo. Francesco Gaetano Caltagirone, socio della compagnia al 5,6%, non molla sul ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre mesi per le riforme. Cruciali, delicatissimi, fondamentali. Un calendario denso che nelle intenz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bastano uno smartphone o una chiavetta usb per registrare conversazioni dal vivo o telefoniche e rac...

Oggi sulla stampa