Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il rame consolida i rialzi: prezzo oltre 5mila dollari Accelera l’import cinese

Il rame non ha abbandonato quota 5mila dollari, restando vicino ai livelli di venerdì, quando si era spinto fino a 5.131 $ (base tre mesi), il massimo da oltre 4 mesi. A sostenerlo i dati sulle importazioni cinesi, salite in febbraio a 328.604 tonnellate, il 56% in più rispetto a un anno prima e l’1,5% in più rispetto a gennaio, nonostante il Capodanno lunare. Complessivamente nei primi due mesi dell’anno c’è stato un aumento del 27% sullo stesso periodo del 2015.
Dopo aver oscillato per alcuni giorni senza direzione, i prezzi Lme erano decollati giovedì scorso dopo il comunicato della Fed negli Usa, che annunciava due rialzi dei tassi d’interesse quest’anno, anziché quattro, come comunicato in dicembre.
A livello globale il mercato fisico del rame non è in tensione, ma paradossalmente lo è al Lme, dove le giacenze di catodi sono scese del 35% da fine gennaio, portandosi ad appena 155mila tonnellate (di cui 44mila già registrate per l’uscita), per cui c’è una stretta tecnica che provoca un crescente backwardation: il prezzo a pronti è arrivato a superare quello a tre mesi di oltre 30 $. Ciò in contrasto con quanto avviene a Shanghai, dove invece c’è da tempo un contango (prezzo lontano superiore al pronti) di 30 $ sul 3 mesi, a rispecchiare una situazione di sufficiente disponibilità: le giacenze di borsa Shfe, più che raddoppiate nel 2016, sono al record di 394.777 tonnellate.
Viste anche le continue forti importazioni cinesi, ci si chiede se il mondo abbia troppo o poco rame. In realtà sembrerebbe troppo: Bloomberg Intelligence stima che i produttori quest’anno immetteranno sul mercato il 22% di rame in più rispetto al 2011. Poiché la domanda non è aumentata nella stessa misura, la maggiore offerta, che si è andata accumulando, aiuterebbe a spiegare perché i prezzi in gennaio fossero crollati al minimo da sette anni.
Alcune grandi minerarie – tra cui Codelco, Bhp Billiton e Glencore – hanno annunciato tagli di produzione l’anno scorso, con qualche effetto rialzista sui prezzi. Ma quelle riduzioni si avviano ad essere compensate da incrementi di produzione annunciati ad esempio da Freeport-McMoRan, Grupo Mexico, Southern Copper, Rio Tinto e Antofagasta.
Un aumento dell’offerta di rame potrebbe essere facilmente assorbito se nel contempo la domanda crescesse a sufficienza. E da quando la crescita economica in Cina è andata rallentando è sorto il problema di dove vada a finire tutto il rame importato da Pechino. Ci sono due possibili spiegazioni: una riguarderebbe un effettivo maggior consumo, legato al loro modello di sviluppo economico, l’altra – per cui propende la maggioranza degli analisti – è che molto rame finirebbe nell’ombra di manovre finanziarie, utilizzato come collaterale per ottenere prestiti. Resta l’interrogativo, peraltro non risolto, sull’intensità dei consumi cinesi di rame: in base alle statistiche dell’International Copper Study Group, ogni milione di dollari di Pil in Cina richiede circa 1.000 kg di rame, contro 535 kg in Turchia, 232 kg in Giappone e 100 kg negli Usa.
Sul fronte delle previsioni permane intanto la cautela tra i produttori. La polacca Kghm, seconda raffineria europea, conferma di lavorare per ridurre ulteriormente i costi dopo le perdite del 2015, senza fare nessun accenno a tagli di produzione, aspettandosi per il 2016 un prezzo medio di 5.000 $, in discesa dai 5.495 $ del 2015.

Gianni Mattarelli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa