Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il preventivo e la fattura sono on line

di Andrea Altavista 

Tempo di innovazione negli studi legali, che investono per trasformare la consulenza offerta in un servizio digitale e a dispozione 24 ore su 24.

Lo rivela il sondaggio “Purchasing Trends of Law Firms” pubblicato da InsideLegal technology con International legal technology association, che ha evidenziato come il cloud computing, quindi la tecnologia che permette di gestire un archivio documentale completamente online e di accedervi da diverse postazioni, sia in fase di implementazione nel 68% degli oltre 600 studi americani intervistati.

E lo conferma l'attitudine delle law firm, che nello stesso sondaggio dichiarano di investire un budget crescente in social media e comunicazione, oltre che nell'acquisto di iPad e tablets.

Ma non solo.

L'innovazione negli studi passa soprattutto per il controllo esatto delle parcelle fatturate ai clienti, e per una programmazione anticipata della loro spesa legale.

Ecco allora che nel panorama legale stanno nascendo iniziative nuove. Come quella di Clearspire, studio composto da circa 20 professionisti che, tuttavia, lavorano da casa e collaborano in remoto attraverso una piattaforma costata oltre un milione di dollari che simula un vero e proprio studio.

I clienti comunicano con i loro legali attraverso la piattaforma, e durante le conversazioni con gli avvocati possono visualizzare la bozza del documento e modificarla direttamente.

Una delle ragioni per cui Clearspire sta prendendo piede nel mercato anglosassone è la facilitá con cui la piattaforma permette di controllare i costi.

A fronte di una stima preventiva del costo per un determinato servizio infatti, se l'avvocato termina il lavoro più velocemente del previsto riceve un terzo della parcella risparmiata.

Il resto del risparmio viene diviso tra il cliente e Clearspine.

La piattaforma non è l'unica ad avere introdotto una innovazione nel tradizionalmente ingessato mercato dei servizi legali.

Axiom opera da 11 anni nel mercato inviando in outsourcing i propri professionisti nelle sedi dei clienti. Gli avvocati «contrattualizzati» possono svolgere un determinato compito per una parcella a forfait, oppure essere affittati a seconda del periodo necessario.

Ancora, LawPivot è un social network che collega i professionisti del mondo legale. Il funzionamento è simile a quello di LinkedIn, e gli avvocati possono aggiornare il loro profilo, aumentando la propria visibilitá di fronte al mirato target di chi è in cerca di consulenza specializzata.

Intanto in Inghilterra è attivo da qualche mese un servizio di consulenza legale completamete offerto via Twitter. Il sito, chiamato «The legal oracle», permette a chiunque sia iscritto al social network dell'uccellino di rivolgersi «all'oracolo legale», inviando questioni legali in un limite massimo di 140 caratteri, ricevendo una risposta gratuita e specifica sulla questione presentata.

Il sito è stato pensato da Nicholas Jervis, già fondatore del portale Loyalty Law, un network che raggruppa circa 60 studi legali inglesi.

Anche in Italia intanto, si iniziano a vedere alcune iniziative simili.

L'avvocato Valentino Spataro, specializzato in consulenze di diritto di internet, ha infatti dato vita a Gloxa, un portale destinato ai professionsti.

Meno appariscente ma continuo, intanto, il processo di digitalizzazione che continua negli studi legali d'affari, dove gli avvocati sempre più presenti su social network tra cui Twitter e LinkedIn, lavorano facilmente da casa o in viaggio dando il benvenuto al prossimo protagonista degli uffici dei soci: l'iPad.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa