Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il premier: scontiamo le difficoltà di Madrid

di Andrea Garibaldi

IL CAIRO — Monti arrabbiato. Arrabbiatissimo. Per i dati economici che gli arrivano dall'Italia, certo. Lo spread che supera i 400 punti (glielo dicono mentre è con la moglie nell'area delle piramidi di Giza). Ma soprattutto per la caduta rovinosa della Borsa. Perché per lo spread «non ci sono ragioni specifiche italiane — è stata l'analisi in privato del premier — stiamo pagando di rimbalzo la crisi spagnola. E siamo anche dentro una crisi più grande». Ma la Borsa così giù no, non se l'aspettava il presidente del Consiglio. E su quella può avere influito Emma Marcegaglia con la sua volontà di ridiscutere la riforma del lavoro (venerdì e sabato) e la richiesta di diminuire le tasse (ieri). «Fino a pochi giorni fa tutto era a posto, poi Marcegaglia ha cambiato atteggiamento. Ha criticato il governo sul Wall Street Journal, sul Financial Times, sul Corriere», diceva Monti ai collaboratori nella sua ultima giornata al Cairo e anche sull'aereo verso Roma. La Marcegaglia è diventata in poco tempo la vera opposizione al governo, colpendo dove i partiti di maggioranza non osano. Il ragionamento nello staff del premier è questo: se gli imprenditori tolgono la fiducia, i mercati capiscono che il ritorno all'instabilità potrebbe essere dietro l'angolo.
«Un gioco al massacro — si sostiene nell'entourage di Monti — perché gli industriali sanno bene che noi sulla riforma del lavoro non possiamo tornare indietro, ci giochiamo tutto. Perché lo fanno?». Monti ripete: «Per la credibilità internazionale quella riforma, così come è stata pensata, è fondamentale». Il colpo pare ancora più doloroso perché inferto da Marcegaglia, che ha ancora soltanto un mese di mandato e un successore (Squinzi) già eletto e pronto a entrare in gioco con idee probabilmente non sovrapponibili alle sue. Ma Marcegaglia, si continua a ritenere attorno al primo ministro, potrebbe coltivare il desiderio di provare con la politica. L'irritazione del premier è tale che alla conferenza stampa di fine viaggio, ieri pomeriggio, nell'eleganza d'altri tempi dell'ambasciata italiana d'Egitto, ha rifiutato di toccare qualsiasi tema italiano. Con cortesia e fredda fermezza.
Quanto allo spread, la valutazione è che si tratti di un aggravamento della credibilità dei titoli italiani che arriva da fuori dei nostri confini. «Ho detto più volte che la nostra situazione non è ancora stabilizzata, non è ancora passato tutto», è il pensiero di Monti. C'è la situazione in Spagna, c'è la Francia sotto osservazione. Insomma, prima di ogni cosa, l'Europa deve garantire se stessa, bisogna premere affinché Germania e Bundesbank appoggino con decisione la crescita. Per questo, non c'è per ora nessuna decisione di interventi specifici: «Lo spread si muove per una serie di fattori diversi, può essere imprevedibile». La parola d'ordine è cautela, anche se ci si deve sempre preparare al peggio. E il limite del peggio è quel livello 580 dello spread che fu toccato a novembre. I piani di emergenza esistono, ma non è ancora il momento di tirarli fuori. Uno dei ministri economici, da Roma, ha suggerito a Monti un focus con i partiti su crisi e crescita.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa