Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il perito non lo paga l’erario

Il perito di parte non può chiedere la liquidazione del proprio onorario come spesa di giustizia in quanto non è un ausiliario del giudice. È infatti considerato perito di parte e non ausiliario del giudice, il soggetto incaricato di svolgere una perizia contrattuale nell’interesse della curatela. E l’incarico conferito dal giudice delegato nell’ambito della procedura fallimentare rientra in un negozio di tipo privatistico. E se la società fallita non è in grado di soddisfare il credito del geometra, lo stesso non può richiedere la liquidazione all’erario in quanto il compenso, rientra nella fattispecie contrattuale del mandato e non è compresa tra le spese di giustizia (art. 146 del dpr 115/2002). Questo è la sintesi giuridica tracciata dalla corte di cassazione (sezione I civile) con la sentenza 9 gennaio 2013 n. 340. L’incarico di perito di parte conferito al geometra dal curatore fallimentare su autorizzazione del giudice delegato rientra nello schema del mandato e quindi il compenso professionale va stabilito secondo la tariffa professionale o secondo gli usi o in mancanza, secondo la determinazione del giudice ex art. 1709 del c.c. Tale principio non subisce una deroga nel caso in cui l’incarico sia stato conferito dal giudice delegato nell’ambito della procedura fallimentare, perché, in tal caso, il soggetto incaricato di svolgere una perizia contrattuale nell’interesse della curatela, agendo in base a un negozio di tipo privatistico, deve essere considerato a tutti gli effetti come un perito di parte e non come ausiliario del giudice. Rientrando nel contratto di mandato il rapporto intercorso tra curatore del fallimento e il geometra, ne discende affermano i giudici di piazza Cavour che il perito non può rientrare nella categoria degli «ausiliari del magistrato» (ex art. 146, dpr 115/2002) in quanto è una categoria caratterizzata proprio dalla mancanza di un rapporto di tipo contrattuale.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa