Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Il modello per crescere? È Chrysler»

di Raffaella Polato

BOLOGNA— E la Fiat, l'azienda definita da Barack Obama «protagonista di uno straordinario turnaround» , che è andata a Detroit a lavorare al salvataggio di Chrysler. Ma è Chrysler, oggi, che può riportare a Torino quella carica che la Fiat, nel frattempo, ha un po'perso per strada. Sergio Marchionne non sta suggerendo una «americanizzazione» del Lingotto. La base del ragionamento — e del matrimonio — è anzi l’esatto contrario: «Due mondi che si avvicinano. Due culture che si uniscono» . Dopodiché, però, è inutile girarci intorno. In Chrysler, forse perché il fantasma del fallimento ancora non è stato del tutto scacciato, la voglia di farcela e la spinta al cambiamento stanno producendo lo stesso miracolo vissuto dalla Fiat sette anni fa. Al Lingotto, forse proprio perché il baratro sfiorato è più lontano nella memoria, lo spirito che portò alla «resurrezione impossibile» non è più così vivo. E sarà stata «la crisi mondiale, l'impegno negli Usa, la scissione, la mia lontananza» , dice Marchionne. Ma è vero, che il gruppo si è un po'seduto. Se lui non usa esattamente queste parole, la sferzata al management resta inequivocabile: negli ultimi due anni «alcuni dei leader, che pure avevano imparato a gestire gli imprevisti, di fronte allo stravolgimento del contesto in cui si erano abituati a operare non si sono più sentiti forti come un tempo. Qualcuno ha perso fiducia in se stesso» . È un problema, ammette. «Ci stiamo già lavorando» , assicura. E si tratta solo di «ritrovare» : «Quel tipo di tensione che ha fatto rinascere la Fiat» ieri è lo stesso che «sta facendo rinascere la Chrysler» oggi. Va semplicemente rifatta la «trasfusione» , e perciò «è più importante che mai far leva su Chrysler, usare quel cantiere aperto e sfruttare il suo dinamismo anche a vantaggio della Fiat, per farla ripartire in Europa» . Condizioni e volontà ci sono, dice Marchionne dopo l'introduzione del direttore generale di Unicredit Roberto Nicastro alla prima delle Mba Lectures Unicredit Alma Graduate School. Purché ognuno faccia la propria parte. E qui, all'autocritica sulla «caduta di tensione» , aggiunge le critiche a fette del sistema. L'esempio dell'impegno torinese è ovviamente Fabbrica Italia. «Il processo è partito, e non torneremo indietro» . Frase che è da un lato una promessa: Marchionne riconosce gli sforzi dei sindacati che «hanno condiviso con noi la necessità del cambiamento, a Mirafiori e Pomigliano abbiamo fatto grandi passi avanti» . Ma, appunto, «non torneremo indietro» , Fiat continuerà nelle altre fabbriche. E l'avvertimento va chiaramente alla Fiom (i cui iscritti, guidati dal segretario cittadino, Bruno Papignani, ieri lo hanno accolto con striscioni di protesta): «Non possiamo più continuare a riaprire trattative per un'ora di straordinario. Noi facciamo auto, non politica: e il mercato non lo controlla la Fiat e non lo controlla Marchionne» . Non sta scritto da nessuna parte che debba ripetersi sempre quello che accadrà quest'anno: «Chrysler, dove saliremo al 30%nei prossimi 30-60 giorni, guadagnerà più di Fiat» . Ma il processo virtuoso, in una fase globale che «è uno spartiacque anche per l'Italia» , per «lo scatto d'orgoglio e dignità di cui noi tutti abbiamo bisogno» , non può innescarsi se si sfilano alcuni protagonisti nel Paese. Tra i quali, su domanda di uno studente, Marchionne alla fine include anche i media. Fiat controlla la Stampa e il 10,3%del Corriere. Partecipazioni «che fanno parte di un insieme di equilibri sociali necessari a mantenere la Fiat nella situazione in cui si trova» . Chiude però così: «Abbiamo zero influenza sui giornali. Basta leggere il Corriere e le cose ingiuste che scrive. Ma è un investimento e come tale spero che le attività di Rcs diano risultati» .

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa