Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il modello organizzativo salva le imprese dalla responsabilità

di Antonio Ciccia  

Se non si accerta l'interesse aziendale non scatta la responsabilità amministrativa delle imprese. E il modello organizzativo viene attentamente vagliato per verificare la dissociazione dell'ente dalle malefatte dei propri manager o dipendenti. La circolare 83607/2012 della Guardia di Finanza (si vedano altri articoli su ItaliaOggi del 28 e 29 marzo), strutturata in quattro volumi, illustra (nel volume III) le modalità di indagine relative all'accertamento della responsabilità degli enti come disegnata dal decreto legislativo 231/2001. Si tratta di una normativa che, a seguito dell'inserimento tra i reati presupposto di quelli relativi agli infortuni sul lavoro, è entrata a pieno regime e obbliga gli enti a dotarsi di efficaci sistemi preventivi e di auditing interno, se non si vuole rimanere intrappolati in un processo da cui uscire con sanzioni veramente gravi (fino alla chiusura dell'attività).

Vediamo dunque come opera la Guardia di finanza nelle sue indagini, secondo quanto descritto nella maxicircolare.

L'attività investigativa è rivolta: a individuare la sussistenza di un concreto vantaggio o interesse per l'ente; all'individuazione degli autori delle illecite condotte e all'acquisizione di ogni utile elemento di prova e di supporto in ordine all'atteggiamento psicologico che ha caratterizzato la condotta del responsabile, attraverso l'esame della documentazione contabile ed extracontabile acquisita alle indagini.

Bisognerà appurare se si sia in costanza di un fenomeno di «dissociazione» fra la volontà del soggetto collettivo e quello della persona fisica autrice del reato, con conseguente esonero di responsabilità del primo. Si deve appurare anche l'idoneità dei modelli di gestione eventualmente adottati dallo stesso per escludere la propria responsabilità, basandosi su un esame delle strutture decisionali adottate dall'ente in relazione alle proprie articolazioni e alle proprie attività economiche.

La polizia giudiziaria, al fine di configurare un'eventuale responsabilità amministrativa dell'ente, dovrà indirizzare la propria attività in modo tale da acquisire gli elementi probatori necessari, seguendo gli step individuati nella circolare:

– verifica della natura giuridica dell'ente finalizzata a conoscere se quest'ultimo rientri tra i «soggetti» destinatari delle previsioni del dlgs n. 231/2001;

– accertamento della sussistenza di un interesse o vantaggio per l'ente ricollegabile al reato presupposto, anche al fine di escludere che l'autore del reato abbia agito nell'esclusivo interesse proprio o di terzi;

– individuazione del rapporto di organicità tra l'ente e l'autore del reato, il quale, dovrà appartenere alla categoria degli «apicali» ovvero dei «sottoposti».

Nel caso di reato presupposto commesso da un soggetto in posizione apicale, per effetto del meccanismo di inversione dell'onere probatorio, l'attività investigativa dovrà essere orientata a valutare gli eventuali elementi di prova a discarico forniti dall'ente al fine di beneficiare dell'esonero da responsabilità.

Pertanto, in caso di «difesa» svolta dall'ente, la polizia giudiziaria dovrà riscontrare se:

– sia stato preventivamente adottato un modello di organizzazione e di gestione idoneo a prevenire reati della specie di quello verificatosi;

– il modello organizzativo adottato risponda ai requisiti di idoneità ed efficace attuazione previsti dalla normativa in commento;

– sia stato costituito l'organismo di vigilanza, verificando, in caso affermativo, i requisiti richiesti dalla norma nonché i poteri necessari per il corretto assolvimento dei suoi compiti;

– sussistano elementi di fatto che possano indurre a ritenere che il reato commesso costituisca l'esito finale della fraudolenta elusione del modello organizzativo.

Nel caso di reati commessi da soggetti «sottoposti», l'attività della polizia giudiziaria sarà indirizzata a riscontrare se:

– sia stato preventivamente adottato un modello di organizzazione e di gestione idoneo a prevenire reati della specie di quello verificatosi;

– in caso positivo, se lo stesso risponda ai requisiti di idoneità ed efficace attuazione.

Altro elemento cardine delle indagini è l'accertamento di un concreto vantaggio o interesse per l'ente: l'attività investigativa sarà volta a individuare se la condotta criminosa sia stata realizzata per raggiungere tali fini.

Si verificherà, infatti, la chiusura degli accertamenti non potendosi procedere nei confronti dell'ente nel caso in cui l'indagato abbia agito nell'interesse esclusivo proprio o di terzi, posto che anche un interesse misto, cioè contestualmente proprio dell'ente e della persona fisica, risulta di per sé insufficiente a mandare esente da responsabilità la persona giuridica.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa