Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il microcredito è per pochi

Microcredito «produttivo» per pochi. Sono solo il 32% le richieste di microcredito soddisfatte, aventi finalità produttive e imprenditoriali. Una percentuale che sale al 71% in riferimento alle domande sociali. Tra i dati resi noti ieri dall’Ente nazionale per il microcredito al convegno relativo alla materia tenutosi alla camera dei deputati, risulta che dal 2011 al 2014 il totale delle richieste di microcredito inoltrate sono state 40.495, di cui solo 14 mila hanno avuto risposta positiva, ottenendo effettivamente i fondi. Sul triennio, il totale delle somme concesse ha superato i 370 milioni di euro, di cui 147 milioni nel solo 2014, mentre i nuovi posti di lavoro creati a seguito dei fondi assegnati sono stati 34 mila. Una cifra, questa, che avrebbe potuto toccare il livello dei 98 mila posti se tutte le domande inoltrate fossero state prese in considerazione.

Finalità produttive o sociali. Del totale dei microcrediti concessi, la metà ha avuto finalità produttive, mentre l’altra metà ha soddisfatto fini sociali, che non hanno per obiettivo l’imprenditorialità lucrativa. «I giovani vogliono una mano per scegliersi da soli il lavoro, per aprire un’attività», ha fatto notare in sede di discussione Mario Baccini, presidente dell’ente; in tal modo, essi «non cercano il posto pubblico» ma provano a far fruttare le proprie idee creando a loro volta nuovo lavoro. In tal senso, potrebbe essere scoraggiante un dato in cui solo il 32% delle richieste imprenditoriali viene soddisfatto, lasciando a bocca asciutta una consistente fetta di candidati. Dal 2011 il microcredito sociale ha ricevuto circa 26 milioni di euro annui, mentre i fondi erogati per fini produttivi sono cresciuti progressivamente, raggiungendo nel 2014 i 120 milioni, con un tasso medio annuo di crescita superiore al 75%. Sempre in termini generali, ogni richiesta di credito per scopo produttivo ha ottenuto fondi nella misura di 21.300 euro; l’ammontare di erogazioni per il microcredito sociale, diversamente, ha raggiunto i 4.500 euro circa per beneficiario. Fatti da parte i numeri che mostrano come solo una richiesta su tre venga accontentata in ambito produttivo, i quattro quinti del totale erogato risultano finalizzati all’avvio o al sostenimento di un’attività imprenditoriale o all’auto impiego.

Bonus fondi pensione e casse. Nel corso del convegno, il sottosegretario all’economia Pier Paolo Baretta ha precisato che, relativamente al decreto legislativo che prevede un bonus fiscale per i fondi pensione e le casse previdenziali che investono nell’economia reale, l’analisi prosegue, dopo aver ottenuto la firma del ministro. Il decreto prevede che fondi e casse che investono nell’economia reale possano godere di un credito d’imposta per compensare l’aumento della tassazione prevista dalla legge di stabilità, con l’incremento dall’11 al 20% per i fondi pensione e dal 20 al 26% per le casse previdenziali. Attualmente, ha ricordato il sottosegretario, fondi e casse dispongono di 220 miliardi che destinano per la quasi totalità al debito: «se investissero anche solo il 10% nell’economia reale» ha proseguito Baretta, ciò equivarrebbe a «un punto di Pil». Relativamente al microcredito, Baretta ha espresso l’intenzione di «farlo diventare un strumento di ripresa economica di qualità».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa