Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

“Il governo non si fermi le trincee vanno superate la società lo ha già fatto”

Massimo Cacciari, il governo va avanti. Fa bene?
«Sì».
Anche dopo il Family day al Circo Massimo?
«La manifestazione va rispettata e compresa. Esprime una sensibilità diffusa. Ma è una piazza contro l’altra. Uno a uno e palla al centro».
E decide chi governa?
«Non è questo il punto. Il punto è che ci vuole realismo storico. Ormai le unioni civili sono una cosa acquisita, culturalmente parlando. Tutti i paesi occidentali stanno andando in questa direzione: mi rendo conto che è una straordinarietà, ma siamo di fronte a una trasformazione radicale: sociale e culturale. Che non può essere ignorata».
Nessuno la ignora: è solo una questione di posizioni.
«Se il senso comune e l’orientamento dominante hanno superato certi steccati, dobbiamo adeguarci alla storia. Inutile star lì a chiedersi il perché e il per come. Le leggi vanno di pari passo» .
Ma il problema, però, si pone: o no?
«Certo. Capisco anche che si faccia fatica a accettare la velocità con la quale la nostra civiltà cambia. Fino a 50 anni fa in Occidente era impensabile ipotizzare gli scenari che oggi diamo per scontati. Sono un dato di fatto. Non ci sono storie. Mi sembra incredibile con quanta insostenibile leggerezza si affrontino problemi che riguardano sistemi di civiltà. Qui non si tratta di leggi e leggine: è il concetto di famiglia tradizionale che è stato ormai oltrepassato».
Può spiegare?
«Parlare di famiglia così come era concepita un tempo significa difendere una trincea ormai indifendibile. Questi arroccamenti sono persino patetici. Se siamo arrivati al compimento di nuovi tipi di famiglia, vuol dire che la storia ci ha portati fino qui. Sul piano politico e metodologico siamo di fronte a una tendenza irreversibile. Poi ci saranno sedi opportune nelle quali valutare caso per caso ».
Dal matrimonio all’unione civile.
«Il termine matrimonio a questo punto andrebbe cambiato. Perché la parola “matrimonio” presuppone la presenza di una donna e di un uomo. Ormai anch’io che sono single sono una famiglia…».
Non le pare strano?
«Io sono l’ultimo a poter giudicare. È chiaro che il tema non poteva e non può essere affrontato così, alla leggera. Perché il fatto che qualsiasi tipo di unione tra umani venga considerata famiglia, certo, è sorprendente. Se ci pensiamo, da quando si ha memoria storica la famiglia è formata da un uomo e una donna. Ma, ripeto, la storia va avanti, e non rilevarne i segnali è impossibile ».
Sì alle unioni civili e sì, quindi, anche alle adozioni da parte delle “nuove famiglie”?
«Le adozioni vanno di conseguenza. Se si va avanti si va avanti su tutto. Una volta che hai riconosciuto legalmente che due uomini sono una famiglia, a quel punto non puoi impedire loro di adottare. È una questione di coerenza della politica rispetto all’evoluzione della società».
I grandi marchi commerciali si sono messi in scia e ammiccano ai nuovi clienti…
«Normale. Se devi vendere segui l’andazzo. È la legge del marketing. Chi si sorprende è un ingenuo».
Anche il pressing sul “Renzi cattolico” è normale?
«Ormai c’è poco da pressare. È cambiata, la situazione. Finiti i tempi in cui la chiesa, o parte di essa, faceva pressione con la Dc sui temi sociali. Con papa Francesco questi meccanismi sono venuti meno, l’ingerenza non ha più senso. E comunque la risposta del governo dopo il Family day fa capire che ormai le unioni civili diventeranno legge».
È solo il segno dell’evoluzione o anche un’opportunità da cogliere?
«Questo lo vedremo poi. Se e quali vantaggi porterà, sarà il tempo a stabilirlo».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa