Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il Fondo di solidarietà. Un altro decreto per gli arbitrati

Bisognerà aspettare ancora qualche giorno per capire come funzionerà il Fondo di solidarietà da 100 milioni per ristorare i possessori di obbligazioni subordinate bruciati dal crack di Banca Marche, Banca Etruria, CariFerrara e CariChieti. Il governo aveva ipotizzato di regolare i collegi arbitrali e il funzionamento del Fondo con un apposito decreto legge, ma all’ultimo minuto è tornato sullo schema originale: un decreto ministeriale per definire i criteri d’accesso, uno del presidente del Consiglio sugli arbitrati. Al di là della forma, la sostanza non cambia. Quello del Fondo sarà un intervento parziale, che non coprirà tutte le perdite, e limitato a un massimo di 100 mila euro (lo stesso tetto della garanzia sui depositi), ma non precluderà la via del giudice ordinario per l’eventuale riconoscimento dell’intero danno subito.
Il criterio d’accesso sarà legato al grado di correttezza delle banche che hanno venduto ai clienti le obbligazioni. Più opaca e spregiudicata sarà stata la loro azione nei confronti dei clienti, la cui posizione verrà valutata caso per caso dai collegi arbitrali che saranno creati in seno all’Autorità anti corruzione, maggiore sarà per i risparmiatori la possibilità di ottenere il ristoro del Fondo. Per valutare il comportamento delle banche si terrà conto anche dell’età, del livello di istruzione degli investitori e della composizione del loro portafoglio. La dotazione di 100 milioni, messa a disposizione dal Fondo Interbancario, secondo il governo sarà sufficiente a rimborsare gli investitori che verosimilmente sono stati truffati o raggirati dalle banche. Secondo i calcoli del Tesoro i casi di potenziale intervento del Fondo sarebbero poco più di mille, su oltre 12 mila titolari di obbligazioni subordinate delle quattro banche messe in risoluzione dal governo a fine ottobre.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa