Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il fisco chiede 344 milioni a Mediolanum

MILANO — Tutta colpa della tigre celtica. Di un tentativo di patteggiamento non andato a buon fine. Nonché di un conto che continua a salire a causa degli interessi e degli accertamenti che non si sono ancora conclusi. Tutto questi elementi messi insieme potrebbero avere un costo di 324 milioni di euro. E che potrebbe lievitare se i ricorsi presentati da Mediolanum contro l’Agenzia delle entrate non si concluderanno con una vittoria per la società controllata alla pari dal banchiere Ennio Doris e dalla Fininvest della famiglia Berlusconi.
La storia, nelle sue linee fondamentali, si trascina da qualche anno. Da quando sono iniziati i controlli sulla società guidata dal manager che nelle pubblicità televisive si presenta sempre in doppiopetto, diffondendo ottimismo pure in questi ultimi anni di recessione. Anche perché la sua società non ne ha sofferto più di tanto (351 milioni di utile l’anno scorso). Soprattutto da quando la stragrande maggioranza delle attività di Mediolanum sono state trasferite in Irlanda. Aprendo, però, il contenzioso con il fisco italiano.
Ma andiamo con ordine. Nel bilancio 2012 appena depositato, è stato pubblicato l’aggiornamento della vicenda iniziata con i primi controlli datati ormai 2005 e proseguiti almeno fino al 2009. Nei conti dell’anno scorso si legge che Mediolanum si è vista recapitare avvisi di accertamento per il periodo 2005-2007 per 323,4 milioni, comprensivi di imposte non pagate e sanzioni, cui si aggiungono altri 20,8 milioni già contestati per il 2010.
Ma cosa è accaduto? Come altre società di gestione del risparmio anche Mediolanum ha trasferito all’estero buona parte delle sua attività “industriali”. La società di Doris e Berlusconi a inizio anni Duemila ha creato Mediolanum International Funds attiva in Irlanda, sfruttando la tassazione ridotta per le società concesse dal governo di Dublino. Da qui vengono confezionati i prodotti finanziari poi distribuiti e venduti dalla rete Mediolanum. L’Agenzia delle entrate contesta il livello di retrocessione delle commissioni – fatte pagare per il servizio – dall’Irlanda alla capogruppo in Italia. Il sospetto è che il gruppo tenga una parte dei ricavi sull’isola così da sfruttare la mano più leggera del fisco irlandese (il tax rate 2012 è del 29,9%).
Una prassi tenuta dalla maggioranza delle società di gestione del risparmio in Italia: secondo il dato del 2011, il patrimonio netto gestito da fondi di diritto estero collocati nel nostro paese da fondi italiani aveva un incidenza del 57 per cento sul totale delle masse. Soltanto nel 2005 era solo del 30 per cento.
Per il fisco italiano, però, Mediolanum avrebbe esagerato tenendo troppo basso il livello delle retrocessioni. La società contesta il fatto , sostenendo di rientrare «nel range di valori di libero mercato individuati da economisti indipendenti». Definisce l’analisi del fisco «illegittima» ed «errata». E ha deciso di attivare la procedura arbitrale europea sulle doppie imposizioni e rimettere la «soluzione della controversia alle autorità fiscali irlandesi e italiane», come si legge nel bilancio.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vietato giocarsi il futuro del Paese, usando la giustizia come pericoloso terreno di conflitto. O pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

C’è una gag, in vita Arenula. La riforma del processo civile, la più importante di tutte perché...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Da quando ha messo piede in via Arenula il 13 febbraio la giurista Marta Cartabia ha perseguito un o...

Oggi sulla stampa