Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il credito negato va giustificato

di Antonio Ciccia  

Trasparenza a 360 gradi delle banche e degli istituti di credito: prima del contratto e durante lo svolgimento del rapporto di finanziamento. Le informazioni fornite sono di due tipi: quelle generali e quelle tagliate su misura del consumatore, che deve sapere a che cosa va incontro e deve poter scegliere comparando più offerte in concorrenza tra loro. E in ogni caso l'interessato deve sapere l'esatta ragione per cui gli viene negato un finanziamento. Non basterà dirgli che ci sono segnalazioni negative sul suo conto: bisognerà rivelare il contenuto della notizia, che pregiudica l'accesso al credito.

Queste alcune linee guida della nuova veste della trasparenza bancaria, profilata dal provvedimento della Banca d'Italia 9/2/2011, che ha modificato il precedente del 29/7/2009, in attuazione del dlgs 141/2010 (recepimento della direttiva 2008/48/Ce) e che è diventato operativo dal 1° giugno 2011. Il provvedimento della Banca d'Italia è stato integrato anche da alcune faq, cui si trova risposta nel sito internet dell'istituto di via Nazionale.

Partiamo dagli obblighi di trasparenza in materia di credito al consumo: obblighi che partono ben prima della conclusione del contratto e che sono assolti con un documento denominato «Informazioni europee di base sul credito ai consumatori», da consegnare al consumatore. Il documento deve consentire di confrontare i finanziamenti praticati da diversi intermediari ed è propedeutico a una scelta consapevole. L'obbligo non ricade sui venditori di beni e servizi, ma sul soggetto finanziatore.

La Banca d'Italia, nel rispondere ad alcune faq, ha poi precisato che la consegna del modulo delle informazioni non è vincolante né per il consumatore né per il finanziatore. Peraltro Bankitalia consiglia il finanziatore, che intende escludere il valore di proposta contrattuale del modulo, di chiarire questa circostanza nella documentazione integrativa. Inoltre l'informazione diventa una vera e propria assistenza prima della stipulazione del contratto e per tutto il termine in cui il consumatore può liberamente recedere.

In base alla normativa di settore il consumatore ha il diritto di recedere dai contratti di finanziamento entro 14 giorni dalla stipula, in qualsiasi caso e senza una motivazione particolare: basta il semplice ripensamento (cosiddetto recesso ad nutum). Non è prevista alcuna penale, ma solo la restituzione di capitale e interessi maturati e tasse.

Il finanziatore, quindi, deve fornire tutte le informazioni necessarie sul finanziamento, sulla documentazione e sulle caratteristiche del prodotto.

La Banca d'Italia ha risposto ad alcune faq che chiedevano se gli obblighi di trasparenza previsti per l'offerta attraverso intermediari del credito si possano applicare anche ai motori di ricerca on-line, cioè i siti web specializzati nella comparazione tra prodotti di credito al consumo proposti da diversi intermediari. La domanda presuppone il fatto che l'attività dei motori di ricerca costituisca intermediazione del credito quando nel sito sia presente un link alla pagina web del finanziatore. La Banca d'Italia ha risposto che gli obblighi di trasparenza gravano sul finanziatore e, solo quando egli «si avvalga» di intermediari del credito nell'offerta dei propri prodotti, anche gli intermediari sono tenuti ad assolverli. Poiché si tratta di obblighi solo «indiretti» dell'intermediario, essi presuppongono l'esistenza di un contratto con il finanziatore che se ne avvale per l'offerta. Peraltro per i motori di ricerca on-line genericamente non vi è alcun rapporto contrattuale di questo tipo, Bankitalia conclude che la disciplina sulla trasparenza dell'offerta non trova applicazione.

Altro caso riguarda l'offerta attraverso operatori telefonici, privi di poteri di rappresentanza del finanziatore, che contattano i potenziali clienti per proporre la sottoscrizione di prodotti di credito. La Banca d'Italia ha ricordato che l'attività è vietata in assenza di un preventivo consenso da parte del consumatore. E quando il consumatore ha dato il suo consenso ed è quindi contattato telefonicamente, l'operatore dovrà seguire le regole sulla trasparenza se svolge attività propedeutiche alla conclusione del contratto, come la illustrazione del prodotto.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa