Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il credito Iva passa all’acquirente

Il credito Iva segue il trasferimento dell’azienda. La società cessionaria può dunque utilizzare a proprio favore il credito d’imposta maturato dalla cedente. È quanto emerge dalla sentenza 201/1/2014 della Ctr Liguria.
Una Spa aveva trasferito a una Srl la propria azienda, che vantava un credito Iva di 172mila euro. La cessionaria aveva così inserito l’importo nella dichiarazione del 2006, utilizzandolo in compensazione con il proprio debito.
Però, dopo aver proceduto al controllo automatizzato previsto dall’articolo 54-bis del Dpr 633/1972, l’agenzia delle Entrate non ha riconosciuto il credito e quindi ha chiesto alla cessionaria di versare la relativa somma, maggiorata di sanzione e interessi. Poiché l’invito non aveva avuto seguito, l’ufficio ha iscritto a ruolo gli importi indicati nella comunicazione di irregolarità e ha emesso la cartella di pagamento. Così la Srl ha impugnato l’atto in Ctp, sostenendo che al momento dell’acquisto del l’azienda le era stato trasferito anche il credito Iva della Spa. Nel corso del giudizio, inoltre, ha presentato la sentenza con cui il suo legale rappresentante era stato assolto dal reato di indebita compensazione previsto dall’articolo 10-quater del Dlgs 74/2000.
I giudici di primo grado hanno annullato la cartella e condannato l’Agenzia al pagamento delle spese di lite, affermando che era «pacifico» che, per effetto della cessione d’azienda, si era trasferito anche il credito Iva della società acquisita.
Contro la sentenza l’ufficio ha presentato appello. Secondo l’amministrazione finanziaria, infatti, la motivazione era insufficiente perché non aveva preso posizione su alcuna delle argomentazioni a sostegno della legittimità dell’iscrizione a ruolo. L’appellante ha affermato inoltre che la cessione del credito può operare solo in caso di trasformazioni soggettive sostanziali che comportino una «situazione di continuità fra i contribuenti interessati».
La Ctr sottolinea che la cessione del credito d’imposta attraverso il passaggio di proprietà dell’azienda è espressamente prevista dalle istruzioni ministeriali concernenti i modelli di dichiarazione annuale dell’Iva. Inoltre la Cassazione, con la sentenza 8644/2009, «ha definitivamente chiarito – si legge nella pronuncia della Ctr – che il trasferimento del credito Iva, in assenza di preclusioni di ordine sistematico circa la trasmissibilità del medesimo credito, è una naturale conseguenza del conferimento d’azienda».
I giudici d’appello rilevano che dal contratto di cessione e dai verbali delle riunioni svolte tra le parti emergeva la volontà di trasferire anche il credito Iva. Inoltre, la Srl aveva assolto «a tutti gli obblighi tributari in maniera ineccepibile, senza commettere alcuna infrazione formale o sostanziale». Infine, tra cedente e cessionaria si era realizzata una «situazione di continuità», tenuto conto, fra l’altro, che la Spa si era estinta dopo la cessione dell’azienda.
La Ctr osserva che i giudici di primo grado hanno tenuto conto della sentenza penale non in modo automatico, bensì nel l’esercizio degli autonomi poteri di valutazione del materiale probatorio (articolo 116 del Codice di procedura civile). Infatti, la Ctp «ha accertato – si legge nella motivazione della sentenza 201/1/2014 – la rilevanza e decisività della pronuncia penale», avendo rilevato che il tribunale «aveva sconfessato tutte le eccezioni sollevate dall’ufficio» anche nel processo tributario e non aveva ravvisato alcuna prova che giustificasse una condanna. Pertanto l’appello è stato respinto.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa