Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il concordato «in bianco» scivola sulla revocatoria

Con la previsione del cosiddetto concordato “in bianco” , tenuto conto che tra presentazione della domanda e presentazione del piano possono passare anche 180 giorni, nel caso di successivo fallimento, si viene ad estendere il periodo di riferimento per una eventuale azione di revocatoria fallimentare. Ci si riferisce ovviamente agli atti e ai pagamenti effettuati prima della iscrizione della domanda. L’articolo 67 lettera e) della Legge fallimentare prevede che non sono revocabili «gli atti, i pagamenti e le garanzie posti in essere in esecuzione del concordato preventivo, (dell’amministrazione controllata), nonché del l’accordo omologato ai sensi dell’articolo 182 bis, nonché gli atti, i pagamenti e le garanzie legalmente posti in essere dopo il deposito del ricorso di cui all’articolo 161».
Al di là della assai ardua classificazione degli atti compiuti, tra straordinari urgenti autorizzati, ordinari, pagamento di debiti anteriori attestati e autorizzati, il tutto rappresentato dall’avverbio «legalmente», tutti i restanti atti sono al di fuori dell’esenzione. Anche sul «legalmente» si possono avanzare considerazioni diverse, nel senso che un significato attribuibile è che gli atti siano stati compiuti secondo le norme. Tutti questi atti non sono revocabili. E qui sta l’errore. La norma contrasta con l’articolo 69 bis, dove al secondo comma si prevede appunto il principio della consecuzione delle procedure, in caso di concordato, anche in bianco, seguito da fallimento.
L’articolo 69 bis comma 2 stabilisce per legge che, se alla domanda di concordato preventivo segue il fallimento, il periodo sospetto ai fini della revocatoria decorre dal momento della pubblicazione della domanda di concordato nel registro delle imprese (quindi retroagisce). Di conseguenza, nel caso di atti e pagamenti eseguiti nel corso della procedura di concordato, poi non andata a buon fine, non ha più senso l’esenzione dalla revocatoria fallimentare. Questi atti è come se fossero stati compiuti dopo la dichiarazione di fallimento, e non invece prima (e questo per l’effetto dell’artciolo 69 bis, comma 2. Gli atti compiuti dopo la dichiarazione di fallimento non sono mai soggetti a revocatoria fallimentare, ma sono inefficaci, ai sensi dell’articolo 44 sempre della Legge fallimentare. E si tenga conto che l’inefficacia ai sensi dell’articolo 44 è più forte dell’inefficacia conseguente alla revocatoria fallimentare, in quanto:
a) opera di diritto;
b) non richiede la prova della scientia decoctionis;
c) non è soggetta a limiti di tempo per quanto riguarda decadenze e prescrizioni.
Certamente per gli atti «legalmente» effettuati, e quindi gli atti di ordinaria amministrazione e quelli di straordinaria urgenti e autorizzati doveva essere previsto qualcosa, ma questo qualcosa non era certamente l’esenzione da revocatoria, quanto piuttosto, se si può dire, la conferma della efficacia, visto che per gli altri atti si ha l’inefficacia. Mai ipotesi di revocabilità quindi, a questi fini. In definitiva, quindi, nel caso in cui un concordato sfoci in fallimento, l’eventuale revocatoria fallimentare può colpire solo gli atti compiuti nel periodo sospetto antecedente alla presentazione della domanda di concordato., mentre quelli compiuti dopo la domanda di concordato, se non autorizzati o di ordinaria amministrazione non coerenti, saranno inefficaci ai sensi dell’articolo 44 Legge fallimentare.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa