Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il club tripla A sempre più ristretto

di Stefano Carrer

Il club è diventato in apparenza sempre più esclusivo. Ma il numero dei membri si è ristretto al punto che qualcuno ha cominciato a ipotizzarne un futuro tramonto, oltre a metterne in discussione le ragioni stesse di esistenza.

L'élite che può fregiarsi della «Tripla A» – il rating più alto che può essere assegnato, a indicazione della massima solidità finanziaria – continua a perdere pezzi: sono rimasti ormai solo in 13 gli Stati il cui debito sovrano può fregiarsi del riconoscimento da parte di tutte e tre le maggiori agenzie di rating, mentre le società non finanzarie sono ancora meno, visto che S&P's dà il voto massimo solo a 4 aziende, mentre Fitch e Moody's si spingono poco oltre la decina. Da ultimo, la minaccia di Moody's sull'outlook della Tripla A della Francia ha lanciato scosse elettriche su un'Eurozona dove il club si è ristretto a sei membri (con Francia, Germania, Olanda, Austria, Finlandia e Lussemburgo), dopo l'espulsione di quella che doveva essere una nuova aristocrazia (Irlanda dal 2001 al 2009, Spagna dal 2003 al 2010).

Se si considera anche l'altro caso diventato clinico – l'Islanda, promossa tra gli eletti dal 2005 al 2009 – parrebbe che il circolo sia sufficientemente screditato. Ma Parigi farà di tutto per non subìre quella che sarebbe un'onta nazionale tale da rilanciare l'intermittente dibattito sul declino del Paese e da mettere in forse i piani di fuoriuscita dalla crisi europea. L'umiliazione appare vicina per il Giappone: Tokyo cominciò a perdere il massimo dei voti alla fine degli anni '90, ma entro fine anno dovrebbe perderlo anche da parte dell'agenzia di rating nazionale R&I. Se è passato quasi inosservata la recente bocciatura della Nuova Zelanda (alla quale S&P's e Fitch hanno tolto la Tripla A sulle emissioni in valuta locale), il mondo sta ancora facendo i conti con la portata della decisione estiva di Standard & Poor's di "degradare" gli Usa, anche se i Treasuries non ne hanno risentito. Del resto, come sottolinea uno studio di AllianceBernstein, la storia delle perdite di AAA dagli anni '90 evidenzia che i riflessi sui tassi obbligazionari sono stati sempre minimi e a volte addirittura contro la logica (ossia al ribasso).

Gli operatori dei mercati sono d'accordo nel ritenere che siano gli spread l'indicatore più attendibile del rischio sovrano. La Tripla A ha sempre portato con sé aspetti paradossali, a partire dal fatto di essere assegnata a chi si distingue nel debito e mai ai maggiori creditori mondiali. Certo le agenzie sono indotte a essere più severe dopo la perdita di reputazione seguita allo scandalo dei voti superiori assegnati con manica larga a veicoli finanziari complessi che hanno provocato la crisi globale del 2008. Pare difficile che chi perde la Tripla A possa recuperarla, come accadde per il Canada e l'Australia.

Oggi resta relativamente alto il numero degli strumenti finanziari a tripla A e le società finanziarie battono in ragione di circa 10 a 1 quelle industriali nella classifica. Sul fronte delle aziende, la Tripla A appare ormai a molti irrilevante. Negli Usa, se all'inizio degli anni '80 erano 32 le società non finanziarie al top, oggi sono rimasti in 4 ultimi mohicani: J&J, Microsoft, Adp e Exxon Mobil (tra le 107 entità alle quale S&P's assegna un rating più alto di quello del Paese). Il che non significa che debbano pagare tassi inferiori a quelli del Governo federale sul debito: dimensioni e liquidità dei Treasuries fanno la differenza. L'azienda più robusta – che siede su una liquidità di circa 80 miliardi di dollari – non ha la tripla A perché non emette debito: si chiama Apple.

Alcuni gruppi «scelgono» di perderla perché danno la prevalenza a obiettivi strategici, come la Pfizer con la maxiacquisizione di Wyeth. Vari analisti ritengono che sarebbe positiva la scomparsa dell'AAA, a indicare chiaramente come nessuno debba aspettarsi che un debito sia senza rischi. Così il più solido presidio del voto massimo sta nelle regolamentazioni che impongono a investitori istituzionali di destinare una quota minima di risorse verso chi può esporre quel logorato cartello.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa