Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il c/c bancario accende il fisco

I dati e gli elementi risultanti dai conti correnti bancari assumono sempre rilievo, ai fini della ricostruzione del reddito imponibile, se il titolare di detti conti non fornisce adeguata giustificazione. La previsione di cui all’art. 32 del dpr 600/73 ha infatti portata generale, riguardando la rettifica delle dichiarazioni dei redditi di qualsiasi contribuente, quale che sia la natura dell’attività svolta e dalla quale quei redditi provengano. Né, per via del riferimento della disposizione ai «ricavi» ed alle «scritture contabili», l’applicabilità dell’art.32 può essere limitata ai soli soggetti che esercitino attività di impresa o di lavoro autonomo, in quanto il dato letterale risulta limitativo unicamente della possibilità per l’ufficio di desumere reddito dai «prelevamenti», giacché non può presumersi in via generale e per qualsiasi contribuente la produzione di un reddito da una spesa, a differenza che per imprenditori o lavoratori autonomi, per i quali, invece, le spese non giustificate possono ragionevolmente ritenersi costitutive di investimenti. Così ha stabilito la Cassazione con la sentenza n. 18126 del 15/9/2015, con la quale i giudici di legittimità evidenziano che, determinandosi in questi casi un’inversione dell’onere della prova a carico del contribuente, egli deve dimostrare che gli elementi desumibili dalla movimentazione bancaria non sono riferibili a operazioni imponibili, fornendo, a tal fine, una prova non generica, ma analitica. È irrilevante peraltro, come prova contraria, il fatto che il conto sia cointestato, in particolare laddove le allegazioni allo scopo fornite non siano correlate a puntuali riferimenti alle singole operazioni riferibili all’altro cointestatario ed alla causale delle operazioni stesse. Se è vero infatti che, in ordine al tipo di prova che il contribuente ha l’onere di fornire per vincere la presunzione, è ammesso anche il ricorso alle presunzioni semplici, le stesse devono però essere sottoposte ad attenta verifica, essendo il giudice tenuto ad individuare analiticamente i fatti noti dai quali dedurre quelli ignoti, correlando ogni indizio (purché grave preciso e concordante) ai movimenti bancari contestati.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al bivio tra un’iniezione di "italianità", che potrebbe coincidere con l’acquisizione di Mps o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cronaca di un addio a lungo annunciato, ma non per questo meno traumatico (-4,96% il titolo in Borsa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Estrema cautela». È questo allo stato dell’arte l’approccio di Cdp e dei fondi, Blackstone e...

Oggi sulla stampa