Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Identificazione, dati dai clienti

Il titolare effettivo non può essere individuato autonomamente dal professionista, perché è il cliente che deve fornire i dati, sotto la sua responsabilità. Non basta il socio al 51% per l’indicazione del titolare effettivo e si deve risalire nella catena partecipativa per scoprire la persona fisica che esercita il controllo sulla società. Sono alcune delle precisazioni traibili dai chiarimenti forniti dal Ministero dell’economia e delle finanze, dalla Guardia di finanza e dalla Banca d’Italia mediante le risposte ai quesiti in materia di antiriciclaggio dell’ 11 novembre 2013, pubblicati su ItaliaOggi Sette in edicola questa settimana.

Titolare effettivo in chiaro. Sempre sotto la lente le previsioni in tema di titolare effettivo quale beneficiario economico finale dell’operazione o della prestazione professionale. Fino all’emanazione delle disposizioni applicative dell’art. 38 co. 7 del dlgs 231/07 da parte del Ministero della giustizia, tuttavia, l’individuazione dello stesso comporta la conservazione dei dati nel fascicolo del cliente, senza necessità della sua trascrizione nell’archivio unico. Per il momento, quindi, sembra scampato il pericolo dell’ulteriore adempimento che sembrava potesse desumersi dalle istruzioni contenute nella circolare della Gdf del 19/3/12, n. 83607, all. 6, ciò in quanto la stessa è stata delineata anche nell’ottica di quelli che saranno gli obblighi futuri a regime. Puntualizzazione, estremamente opportuna, poi, è quella che tranquillizza i consulenti, laddove si ribadisce che è il cliente, ai sensi dell’art. 21 del decreto antiriciclaggio a dover fornire, per iscritto e sotto la propria responsabilità i dati per l’identificazione del titolare effettivo. Non deve e non può, quindi, il professionista sostituirsi al cliente laddove ritenga che, a suo giudizio, sia ovvia o palese (ad esempio, nel caso di società con socio all’80% di partecipazione) la identificazione del titolare effettivo, procedendo direttamente al reperimento dei dati. Anche se il consulente dispone di una visura al Registro imprese della società, deve richiedere una dichiarazione scritta e firmata da parte del legale rappresentante della stessa che attesti i dati richiesti. Precisato, in ogni caso, che il professionista non può accontentarsi della individuazione del titolare effettivo limitata al socio con almeno il 50% + uno, poiché nel caso in cui il cliente sia una persona giuridica, la nozione di «controllo» va riferita al possesso, diretto o indiretto, di una percentuale pari al 25 per cento più uno del capitale sociale. Anche gli altri soci, con detto valore di quota, quindi, vanno identificati. Ciò senza dimenticare che il corretto adempimento dell’obbligo in commento (anche sulla base delle istruzioni di adeguata verifica della clientela, adottate da Banca d’Italia del 3/4/2013), impone di risalire nella catena partecipativa nella società/socio per individuare la persone fisica che, sulla medesima, esercita il controllo e che qualora il professionista non fosse messo in grado di adempiere correttamente agli obblighi di adeguata verifica, dovrebbe astenersi dalla prestazione (art. 23, dlgs 231/07).

Raccomandato il documento nel cassetto. Nell’ambito dei chiarimenti forniti, il Mef ammette la possibilità di acquisire gli estremi del documento identificativo, per ottemperare all’obbligo di conservazione, ma solo nel caso in cui non sia possibile acquisirne la copia. Ciò equivale a dire che, in pratica una copia va opportunamente sempre trattenuta dal professionista. Da un punto di vista operativo, e con le attuali possibilità tecnologiche diffuse (anche una foto con il cellulare potrebbe, poi, essere stampata e inserita nel fascicolo del cliente) non sembra, infatti, facilmente ipotizzabile la situazione di impossibilità a trattenere la copia del documento. Anche in caso di smarrimento dello stesso, ad esempio, potrebbe essere consegnata la copia della denuncia alle autorità con successivo rimando alla consegna dello stesso non appena riacquisito il nuovo presso i competenti uffici.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Francia continua a essere apripista per il riconoscimento economico dei contenuti di informazione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Si avvicina il giorno in cui Monte dei Paschi dovrà dire alla vigilanza di Francoforte e al mercato...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sul Recovery Plan non esiste un caso Italia, ma un’interlocuzione molto positiva con la Commissi...

Oggi sulla stampa