Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Iccrea, 1,3 mld cartolarizzati

Iccrea banca ha concluso una nuova cartolarizzazione di crediti non performing (Npl), cedendo oltre 16 mila posizioni per una pretesa creditoria di 1,3 miliardi di euro. All’operazione hanno partecipato 68 istituti del gruppo bancario cooperativo Iccrea, di cui 65 bcc, insieme a Iccrea banca, Iccrea BancaImpresa e Banca sviluppo. Si tratta della terza cartolarizzazione dal 2018 realizzata da Iccrea, assistita dallo schema di garanzia dello Stato (Gacs). Essa ha permesso, insieme ad altre iniziative di cessione pro soluto sul mercato, di diminuire dell’1,5% l’Npl ratio delle banche coinvolte nel processo di derisking.

«Questa nuova cartolarizzazione è stata perfezionata in linea con il piano di dismissione degli Npe 2018-2020 comunicato alla Bce», ha commentato Mauro Pastore, direttore generale di Iccrea banca, «e dà continuità al processo di deconsolidamento dei crediti non performing originati a seguito della crisi economica e finanziaria che ha colpito l’economia italiana. Siamo soddisfatti del processo di derisking, che stiamo continuando a realizzare e che mira a rafforzare l’azione delle bcc nel rilanciare l’economia reale sui territori delle nostre banche. Grazie a questa ulteriore operazione, infatti, abbiamo raggiunto complessivamente la soglia di circa 6 miliardi di euro di Npe ceduti nell’ultimo triennio».

«L’operazione appena conclusa», ha aggiunto il vicedirettore Giovanni Boccuzzi, «è un’ulteriore conferma dell’impegno che Iccrea ha manifestato, in quanto capogruppo, come interlocutore unico verso tutti i soggetti istituzionali coinvolti ed è il risultato del complesso lavoro svolto dai professionisti di Iccrea e delle Bcc partecipanti. Un impegno che ci ha permesso di raggiungere un valore di cessione significativamente più elevato rispetto alle medie nazionali rese note recentemente da Banca d’Italia».

La cartolarizzazione è stata strutturata dalla finanza di gruppo di Iccrea banca e affidata alla responsabilità del direttore centrale Andrea Torri, che ha confermato l’impegno della struttura a continuare il processo di dismissione dei crediti non performing nell’ambito di future iniziative.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un lungo colloquio, durato poco meno di due ore, ma che alla fine non avrebbe portato a nessun risul...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Unicredit torna all’utile nel secondo trimestre 2020, anche se per soli 457 milioni, il 77% meno d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cala l’utile di BancoBpm in un secocondo trimestre complesso per il settore bancario, complice gli...

Oggi sulla stampa