Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I viaggi si acquistano online

Il turismo online in Italia gode di buona salute e si appresta a chiudere gli ultimi mesi del 2014 con un exploit inaspettato. «Le stime iniziali – commenta Roberto Liscia, presidente di Netcomm, consorzio delle aziende e-commerce, che domani al NoFrills di Bergamo illustrerà i dati di settore – parlavano di un incremento del +11% rispetto al 2013, ma il finale d’anno lascia presupporre una chiusura a +20%». Su 13,2 miliardi di transazioni e-commerce, il mondo travel vale il 41% e con le nuove previsioni potrebbe valere 5,5 miliardi di euro quest’anno. Altrettanto positive le aspettative per il 2015, con un +18% di crescita, che fa conquistare all’online quasi un 40% di progressione nel biennio. «La crescita – spiega Liscia – è riconducibile a un aumento della maturazione in campo digitale, ad una massa critica di utenti che favorisce il passaparola e alla grande potenzialità offerta da smartphone e tablet». Nel 2014 il mobile produrrà 1,2 miliardi di euro di vendite e considerando i tablet si arriva a 2,5 miliardi, sui quali il turismo ha un peso del 50%, rileva un’indagine dell’Osservatorio e-commerce.
Tommaso Vincenzetti, direttore marketing e business development di Amadeus Italia, conferma l’aumento dell’utilizzo del cellulare per «la lettura di recensioni, la raccolta di informazioni, il controllo del prezzo. Da New York giunge la notizia che Apple sta adottando schermi più grandi e già dal 2015 lo smartphone potrebbe diventare un borsellino elettronico». Intanto cresce la quota di vendite effettuate con carte di credito prepagate. L’online continua ad attrarre per la ricerca di risparmio, la voglia di autonomia del consumatore. «Questa estate – commenta Vincenzetti – c’è stato un duplice segnale: è cresciuta del 5,5% la vendita di voli aerei, mentre il settore ricettivo è rimasto stabile, penalizzato dall’extra-ricettivo». Commentando l’andamento dell’estate, Andrea D’Amico, regional director di Booking.com, spiega che «l’Italia si è confermata come una delle destinazioni più richieste dagli utenti a livello mondiale». Rispetto al 2013 Booking.com ha raddoppiato il numero delle strutture in località di mare e per supportare lo sviluppo di questo segmento l’azienda ha aperto un ufficio a Sorrento, «al quale ne seguiranno altri nel Sud Italia».
Il Gruppo Bravofly Rumbo conferma buone performance tra luglio e agosto, con Creta, Maiorca, Malta e Ibiza tra le destinazioni più richieste, un aumento delle prenotazioni anticipate (+5%) e una durata delle vacanze più lunga (+3%). Ora la sfida del gruppo guidato da Fabio Cannavale è «espandere il business dei servizi supplementari (ancillary) per personalizzare l’offerta e rafforzare il peso del mobile come canale di crescita, che nel primo semestre del 2014 ha registrato un +150% di prenotazioni». Lo scontrino medio nel turismo vale 280 euro e la ripartizione dei servizi acquistati online vede al primo posto i trasporti (72%), seguiti da hotel (24%) e pacchetti di viaggio (4%).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa