Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I Tar fermano gli aiuti delle Regioni a Ryanair

BARI.
Due alternative: si volerà low cost anche con Alitalia, e con le altre compagnie “grandi”. Oppure si rischia di non volare più low cost. Nei cieli italiani da qualche settimana è in corso una guerra tra la nostra compagnia di bandiera e Ryanair che rischia di cambiare molte delle abitudini dei viaggiatori europei. Tutto parte da Bari dove Alitalia, in seguito a una sentenza del Tar, è riuscita ad affermare un principio: non è più possibile assegnare fondi «per il turismo» alla compagnia irlandese senza gara d’appalto. «Se ci sono soldi pubblici, vogliamo essere presi in considerazione anche noi: grazie ai finanziamenti pubblici, che da soli garantiscono il break even point del collegamento, è possibile, infatti, pensare a prezzi particolarmente vantaggiosi» hanno sostenuto gli uomini del presidente Luca Cordero di Montezemolo che ha avviato l’offensiva giudiziaria.
Tutto parte da una consolidata abitudine di Ryanair: per portare i voli, in particolare negli scali minori, la compagnia irlandese chiede un finanziamento agli enti locali, siano essi le società che gestiscono gli aeroporti o direttamente Comuni e Regioni.
Il finanziamento non avviene in maniera diretta, ma transita tramite una società, l’Ams, che gestisce in esclusiva la pubblicità sul sito Ryanair. Sulla carta, quindi, i soldi pubblici finiscono a Ams che, in cambio, dovrebbe offrire banner che pubblicizzano i vari territori sul portale della compagnia aerea. Sulla carta: perché, secondo la Guardia di Finanza, in realtà si tratterebbe di un artificio per fare arrivare direttamente i soldi alla Ryanair, senza passare appunto dalle gare d’appalto. Su questo sta lavorando la procura di Bari, quella di Lamezia Terme, si sono mossi in Sicilia e in Sardegna, perché ovunque viene utilizzato lo stesso sistema. Sul caso era intervenuta anche l’Unione europea che aveva censurato la pratica, individuandola come possibile aiuto di Stato. Tant’è che i soldi che ora vengono stanziati sono quelli destinati alla “promozione turistica”. «Ma deve essere fatta la gara pubblica per assegnarli » spiega ora il Tar di Bari, che ha accolto il ricorso di Alitalia permettendo alla società di acquisire i contratti in essere tra Ryanair eAeroporti di Puglia. Una sentenza che ha fatto già giurisprudenza: è di lunedì la notizia che lo stesso hanno sostenuto i giudici amministrativi di Cagliari, accogliendo un secondo ricorso di Alitalia. Inevitabilmente ci sarà ora un effetto a catena. Che sta facendo preoccupare, non poco, operatori turistici e viaggiatori che hanno lanciato petizioni sui social network e scritto ai vari organi politici: senza finanziamenti la low cost non avrebbe più interesse a coprire linee con aeroporti minori. «Perdere i voli di Ryanair significa dare un colpo durissimo alla possibilità di viaggiare a bassi costi» dicono dalla Sicilia alla Sardegna. Un problema che si è posto, per primo, il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano, che si è rifiutato, per il momento, di pagare la tranche (13,8 milioni di euro all’anno per cinque anni) dovuta a Ryanair in seguito a una proroga del contratto (senza gara) voluta dalla precedente giunta. «Nessuno vuole perdere i voli low cost, che hanno permesso alla Puglia di essere una delle mete più frequentate in Europa – ha detto il Governatore – ma bisogna fare le cose in regola ». Anche perché dagli atti d’indagine è emersa una strana circostanza: Aeroporti di Puglia aveva sostenuto di aver chiesto la partecipazione di una dozzina di compagnie ricevendo una risposta solo da Ryanair. «Ma il contratto – scrivono i magistrati – è stato prorogato a ottobre del 2014 mentre le lettere agli altri soggetti sono state inviate ad aprile 2015…».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa