Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I sogni infranti dell’Aga Khan gli aerei Meridiana a rischio crac

GLI anni d’oro della Costa Smeralda — pagata 25mila dollari nel ‘58 e trasformata dall’autorità spirituale degli ismailiti nella Mecca del jet set mediterraneo — sono un ricordo del passato. Lele Mora e i tronisti hanno preso il posto dell’avvocato Agnelli e di Audrey Hepburn in Piazzetta e le chiavi di Porto Cervo sono finite nelle tasche degli emiri del Qatar.
Stessa sorte è toccata alla collezione di hotel cinque stelle del Principe. Che dopo essersi regalato gioielli come il Danieli di Venezia e il Maurice di Parigi, si è visto sfilare per pochi spiccioli
il giocattolo dalla Sheraton. Adesso però siamo al gran finale. E l’onda lunga della crisi rischia di travolgere Meridiana, l’ultimo cordone ombelicale che lega ancora l’Aga Khan all’Italia.
Lui, come tradizione, non ha badato a spese, investendo 400 milioni per tenere in piedi la seconda compagnia tricolore. Ma non è bastato. I conti non tornano più. Gli aerei di sua altezza non pagano i debiti (145 milioni, molti scaduti). Gli Aeroporti di Roma, senza troppo rispetto per il socio a sangue blu, hanno sequestrato cinque jet per farsi pagare gli arretrati. E l’Enac, piove sempre sul bagnato, ha revocato a Meridiana la licenza di volo, rilasciandone una temporanea da rinnovare ogni mese.
Come si è arrivati a questo punto? Il Principe, detto con rispetto, ci ha messo del suo. Ha fatto saltare due anni fa — a un passo dai fiori d’arancio — le nozze riparatrici con Alitalia. Ha pilotato due acquisizioni, Eurofly e Air Italy, che si sono rivelate un boomerang e ha cambiato quattro ad — si sa come sono volubili i reali — in pochi anni. Oggi siamo al redde rationem. Le perdite, 56 milioni in nove mesi, si sono mangiate il capitale. L’ultimo ad, Giuseppe Gentile che è pure azionista al 26%, vorrebbe mandare la compagnia in concordato preventivo. L’Aga Khan non è d’accordo. Ed è in rotta con Gentile cui, peraltro, ha principescamente garantito una buonuscita da 25 milioni.
Come finirà? In Sardegna sperano in un salvagente — improbabile secondo fonti attendibili — della Qatar Airways, la linea aerea degli Al Thani che già spadroneggiano a Porto Cervo. Qualcuno parla di abboccamenti con Alitalia. Allo stato, l’unica certezza è che all’Aga Khan toccherà un’altra volta, lui spera sia l’ultima, metter mano al portafoglio, versando altri 100 milioni nelle casse del gruppo e liquidando Gentile con il suo paracadute d’oro. I soldi, giusto per tranquillizzare i suoi correligiosi, non sono un problema. Il Principe, è vero, ha cancellato dai precetti ismailiti la storica pesata d’oro con cui venivano “remunerati” i sovrani all’atto dell’incoronazione. Il suo patrimonio però, secondo Forbes, è ancora a quota 800 milioni e in portafoglio ci sono cinque compagnie aeree in Africa e il maggior impianto idroelettrico (fresco di inaugurazione in Uganda) del continente nero. Ma lui, dice chi lo conosce bene, ha lasciato un pezzo del cuore nelle acque turchesi della Sardegna. E ben difficilmente darà l’addio all’isola lasciando in ricordo il crac della sua compagnia.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Gaetano Miccichè lascia il consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup. Il presidente della div...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rinvio per tre provvedimenti chiave del governo Draghi per accompagnare l’attuazione del Recovery...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se mai ci fosse stato un dubbio, il Csm ha messo nel mirino tutta la situazione che sta incendiando...

Oggi sulla stampa