Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I pm: tre anni a Fazio e Consorte

di Luigi Ferrarella

MILANO— «Ma come è stato possibile che nell’estate 2005 alcune persone si siano associate per acquisire la banca Antonveneta attraverso manipolazioni di Borsa finalizzate anche a conseguire profitti come i 350 milioni già confiscati in questa indagine» ? Certo, premettono i pm Eugenio Fusco e Gaetano Ruta, «ancora una volta la causa è nella carenza di controlli» . Ma nel chiedere al Tribunale la condanna a 3 anni dell’allora «governatore di Bankitalia Antonio Fazio, a 1 anno e 3 mesi dell’ex capo della Vigilanza Francesco Frasca, e a 2 anni e 1 mese del senatore pdl e presidente della commissione Lavori pubblici Luigi Grillo (tutti per «concorso morale nell’aggiotaggio» e cioè per «un comportamento che rafforzò un proposito criminoso già esistente» nel banchiere scalatore Giampiero Fiorani), il pm Fusco legge in quel 2005 qualcosa di più: «Fazio è la persona, non voglio dire il direttore d’orchestra, senza la quale non ci sarebbe stata l’estate delle scalate bancarie» . Un progetto (stoppato solo dall’ardito sequestro preventivo di azioni Antonveneta deciso il 25 luglio dai pm Giulia Perrotti e Fusco in base a mirate intercettazioni) «che rientrava in una logica di riassetto del sistema creditizio italiano» , ma «secondo il dirigismo di Fazio e in spregio delle regole» . Una scalata «portata avanti per vie traverse, quelle della politica e delle relazioni» : e cioè con il rastrellamento occulto di azioni studiato da Fiorani (15 mesi chiesti in continuazione e in aggiunta ai 3 anni e 3 mesi già patteggiati per altri reati) in concerto con l’immobiliarista Luigi Zunino (1 anno e 8 mesi), un gruppo di imprenditori lodigiani e bresciani candidati a 1 anno e 6 mesi, e i finanzieri Giovanni Consorte e Ivano Sacchetti (3 anni), all’epoca ex presidente e vice di quella Unipol che ora come persona giuridica resta con il cerino in mano di una richiesta di confisca di 39,6 milioni. La difesa di Fazio è di «essere stato ingannato da Fiorani, impostore che gli avrebbe celato le gravi irregolarità commesse nella scalata all’Antonveneta» . Ma in ciò Fazio, per il pm, si smentisce quando «non cambia affatto atteggiamento» neppure dopo i rilievi sollevati dalla Consob il 10 maggio 2006, e «giustifica come una prassi, in realtà inesistente» , il fatto che «Fiorani si rechi a casa del governatore, unitamente al senatore Grillo, il giorno prima dell’ispezione della Banca d’Italia del 20 giugno 2005» : occasione nella quale Fiorani afferma (smentito da Fazio) che il governatore gli garantì «una ispezione "morbida"» . Il pm ricorda poi come sia «indiscutibile che Fiorani si mosse a favore di Fazio per evitare l’approvazione del mandato a termine del governatore» , e «che la Lega dopo il salvataggio della Credieuronord mutò il suo atteggiamento contrario al governatore» . Il senatore Grillo è in molte intercettazioni di Fiorani, di cui «avrebbe potuto autorizzare l’utilizzazione. Non lo ha fatto» , e «il Senato dall’autunno 2009 non ha mai risposto alla richiesta dei magistrati di autorizzare l’utilizzo delle intercettazioni» . Ma «anche a prescindere da esse, a carico di Grillo» (imputato pure di appropriazione indebita di 50 mila euro) «gli elementi sono forti» . Come i «molteplici interventi con il presidente della Consob, Cardia, per lamentarsi dell’eccessivo controllo di Consob su un soggetto vigilato» . E come «l’incredibile ingerenza di Grillo sul Tar del Lazio, attraverso la conoscenza del presidente De Lise, buon amico anche di Fazio, mentre era in discussione il ricorso di Abn Amro contro le decisioni di Banca d’Italia. Senza dimenticare che dal successo dell’operazione Antonveneta avrebbe tratto vantaggi politici proprio il senatore Grillo» , già nel 2004 «artefice del "patto dello sciacchetrà"» , nome del vino davanti al quale Berlusconi e Fazio ritrovarono un’intesa dopo il «licenziamento» di Tremonti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il brevetto italiano costituisce titolo autonomo rispetto a quello europeo. E la perdita di efficaci...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Si è riaperta la stagione delle vendite immobiliari. E sul mercato ci sono al momento ben 850 milio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Agire subito contro i rischi del 5G. Intromissioni, furti on line, minacce e ostilità di ogni gener...

Oggi sulla stampa