Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I giudici: la Bce può acquistare i titoli di Stato

L’acquisto illimitato di titoli di Stato attraverso il programma Omt, annunciato (ma finora mai usato) dal presidente della Bce Mario Draghi nell’estate del 2012 per salvare l’euro, è compatibile «in linea di principio» con i trattati europei, «se vengono rispettate alcune condizioni», e rientra dunque nel mandato di politica monetaria della Bce. E’ il parere dell’avvocato generale della Corte di giustizia europea, Pedro Cruz Villalón, che dà un sostanziale via libera al Quantitative easing (QE) in stile americano, cioè l’acquisto massiccio di bond, debito sovrano incluso, che la Bce prepara da mesi e potrebbe essere votato già giovedì prossimo a Francoforte, quando si riunirà il Direttorio dell’Eurotower. 
Il parere dell’Avvocato generale non è vincolante, ma di solito viene seguito dalla Corte di giustizia. Perciò, anche se bisognerà aspettare alcuni mesi per la sentenza, sembra ormai caduto l’ostacolo legale che avrebbe potuto frenare l’azione di Draghi. Da qui la reazione immediata sui mercati: l’euro è sceso al livello più basso da oltre 9 anni, giù fino a 1,1727 sul dollaro, anche se poi in serata è tornato sopra quota 1,18, mentre il rendimento dei Btp decennali ha toccato il minimo storico dall’introduzione della moneta comune, all’1,71%, per poi chiudere a 1,74% con lo spread intorno a 130 punti. I Bund tedeschi a 5 anni sono tornati negativi.
Ovvia l’esultanza all’Eurotower, che definisce il parere «una pietra miliare», precisando che l’Omt è «pronto e disponibile». L’opinione di Villalón chiarisce che «la Bce è la sola responsabile della definizione e dell’implementazione della politica monetaria», valuta Yves Mersch, membro del comitato esecutivo della Bce. Attraverso il portavoce del ministro delle Finanze Wolfgang Schäuble, Berlino si limita a dire che il parere dell’Avvocato generale della Corte di giustizia europea porta «chiarezza» e «mette in rilievo la posizione di fondo del governo tedesco». All’attacco, invece, va il presidente dell’istituto tedesco Ifo, Hans-Werner Sinn, da sempre contrario e allineato con i 37 mila tedeschi che hanno presentato ricorso alla Corte costituzionale di Karlsruhe definendo l’Omt illegittimo: dà «carta bianca alla Bce», così «si rischia di precipitare la zona euro in una grave crisi costituzionale», visto che il parere «ha clamorosamente contraddetto la Corte costituzionale tedesca».
Di fatto, nelle sue conclusioni, Villalón non solo legittima lo scudo antispread promesso da Draghi nel luglio 2012, quando in piena crisi dei debiti sovrani disse che la Bce avrebbe fatto tutto il possibile (il celebre «whatever it takes») per salvare la zona euro, ma rafforza l’indipendenza dell’Eurotower, che deve «godere di un ampio margine di discrezionalità». La motivazione? Ai tribunali manca «la specializzazione e l’esperienza di cui dispone la Bce», che perciò «deve godere di un ampio margine di discrezionalità nella programmazione e nell’esecuzione della politica monetaria della Ue. E il programma Omt «è una misura non convenzionale di politica monetaria». Anche se deve rispettare «determinate condizioni», ad esempio il divieto di finanziamento monetario degli Stati membri e specificamente il principio di proporzionalità.
Tolto di mezzo lo scoglio legale, l’ultimo ostacolo è rappresentato dall’opposizione in casa guidata dal presidente della Bundesbank, Jens Weidmann. Ma la Bce può prendere le sue decisioni a maggioranza.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

TORINO — La produzione della 500 elettrica ferma i contratti di solidarietà nel polo torinese, tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non deve essere imputata la società unipersonale. Non sulla base del decreto 231. In questo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora al palo la corsa agli aumenti di capitale agevolati dall’articolo 26 del Dl 34/2020...

Oggi sulla stampa