Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I fornitori Fiat in Serbia

Sono stati inaugurati ieri a Kragujevac (Serbia centro meridionale) i lavori di costruzione di quattro stabilimenti di altrettanti fornitori italiani che seguono Fiat in Serbia e che saranno basati nella zona franca della ex caserma di Grosnica, a un passo dagli stabilimenti del Lingotto.

«I nostri fornitori internazionali hanno basato le loro aziende in Serbia e si preparano a iniziare la produzione con noi all'inizio del prossimo anno», ha dichiarato l'amministratore delegato di Fiat automobile Serbia (Fas), Giovanni De Filippis, inaugurando i cantieri insieme al ministro dello sviluppo economico serbo, Nebojsa Ciric. Al loro fianco i vertici di Johnson controls seats, Proma, Sigit e HT&L fitting, le quattro aziende pronte a investire a Kragujevac circa 100 milioni di euro complessivamente, per un migliaio di nuovi posti lavoro: dai sedili, all'assemblaggio pneumatici, dalle componenti in plastica, alle sospensioni, nella nuova zona franca (circa 120 mila mq messi a disposizione dal governo serbo) saranno prodotte le componenti della monovolume LO, il nuovo modello di vettura Fiat, che gli stabilimenti serbi sforneranno dall'inizio del 2012.

«La missione delle aziende italiane nel settore automotive è quella di seguire le proprie aziende clienti nel mondo: la grande committenza ha bisogno che il suo team di fornitori partner la segua», ha spiegato Pierangelo Decisi, presidente di Sigit, uno dei quattro fornitori. Oltre a questi, altri tre stabilimenti di fornitori italiani di Fiat andranno invece direttamente all'interno dell'area dove sorge la fabbrica Fas: due nuovi impianti saranno della Magneti Marelli, il terzo di un'altra joint venture della HT&L fitting, già presente anche nella zona franca dell'ex caserma di Grosnica. Di quest'ultima, oltre ai 120 mila già riconvertiti a uso industriale, circa 91.000 mq sono ancora a disposizione dei militari e saranno in futuro aggiunti all'attuale zona franca. La produzione della nuova vettura dovrebbe entrare a regime entro la primavera 2012.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’Associazione industriale bresciana (Aib) diventa «Confindustria Brescia» anche se la vecchia d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In Borsa è tornata la paura: che si ricominci daccapo, che il numero dei contagi Covid in aumento o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le recessioni impattano sulle pensioni future. Ma un Pil allo zero virgola fa anche peggio. Un Paese...

Oggi sulla stampa