Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I fondi corteggiano i brand

«Stiamo guardando diversi dossier in comparti differenti. Abbiamo una pipeline di investimenti molto ricca con target di fatturato da 100 a 600 milioni e un enterprise value tra i 150 milioni e un miliardo». Francesco Trapani, nella sua nuova veste di investitore come vicepresidente esecutivo di Clessidra, dove è entrato come azionista, operating partner e componente del consiglio di amministrazione, è molto positivo sui prossimi sviluppi della sua avventura e nel mirino ha già azienda «dell’abbigliamento e degli accessori per prodotti di lusso».
Primo fra tutti Harmont & Blaine: «Stiamo continuando l’attività di due diligence e la negoziazione con l’azionista – ha spiegato Trapani, a margine del 6° Luxury Summit organizzato dal Sole 24 Ore -. Il progetto è concreto e, se va in porto, dovrebbe concludersi probabilmente entro l’estate. Clessidra condivide il business plan dell’azienda, anche se andrà implementato e definito nei dettagli» L’azienda va certamente nella direzione di un’espansione internazionale, evidenzia Trapani, secondo cui la quotazione di Harmont & Blaine «è possibile» e l’orizzonte temporale è di «due o tre anni è realistico». Clessidra, invece, non è fra i corteggiatori di Cavalli: «Sappiamo che girano dossier, ma al momento non li stiamo guardando» e sul nulla di fatto con Versace il manager precisa: «Per realizzare un investimento devono esserci le condizioni e l’operazione Versace non era per nulla adatta a Clessidra perché saremmo stati azionisti di minoranza senza possibilità di incidere sulla governance aziendale».
Tornando, invece, a parlare più in generale di lusso, la sua vocazione naturale dopo 30 anni alla guida di Bulgari fino alla cessione al gruppo Lvmh nel 2011, Trapani ha osservato che i multipli delle operazioni, oltre 14 volte il margine operativo lordo (Ebitda) in media, sono dettati dagli andamenti di Borsa del comparto e riflettono le prospettive stabili delle aziende, come nel caso di Bulgari, cui è stato riconosciuto un multiplo di 28,2 volte il margine operativo lordo: «Bulgari è stata acquistata a un prezzo molto caro, ma bisogna considerare l’operazione in prospettiva: oggi, a distanza di tre anni, ha profitti doppi rispetto al momento della vendita» osserva Trapani, che per il contratto firmato con Lvmh ha una clausola di non concorrenza nel comparto gioielleria e per un paio di aziende di soft luxury estere.
Mano libera, quindi, sul resto e «in Italia esistono diverse opportunità interessanti» anche se sempre più spesso i private equity si troveranno ad affrontare la concorrenza di nuovi investitori: «Dall’Asia e dal Medio Oriente arrivano operatori che hanno disponibilità di capitali. La concorrenza, quindi, non è solo più anglosassone». La buona notizia, comunque, è il ritorno di investimenti in Italia: «L’ordine di scuderia sembra essere quello di tornare ad investire nel Sud Europa e in Italia si ha la percezione, dopo le elezioni europee, che ci sia una maggiore stabilità politica».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Alla fine, dopo un consiglio sospeso e riaggiornato a ieri pomeriggio, l’offerta vincolante per l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scatta l’operazione-pulizia del Recovery Plan. Dal primo giro di orizzonte del gruppo di lavoro di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni, la stampa è entrata improvvisamente nel mirino di alcuni governi in Europa del...

Oggi sulla stampa