Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I dividendi non passano di moda

Il dividendo delle azioni sarà sempre più determinante nei prossimi anni sulla performance finale dell’investimento in Borsa. Ne sono convinti molti analisti internazionali alla luce di una situazione che vede la crisi economica ancora non superata, con ricadute negative sui profitti aziendali e, quindi, sugli andamenti degli indici azionari.
In quest’ottica, tuttavia, non basta individuare le azioni che pagano oggi un alto dividendo ma, semmai, quelle capaci di mantenerlo nei prossimi anni e, magari, anche di incrementarlo. Gli esperti di Credit Suisse hanno messo a punto un paniere di 25 azioni europee, che combinano un buon dividendo, un solido bilancio e la generazione di ingenti flussi di cassa. Questo indice, battezzato High and sustainable dividend basket, ha proprio l’obiettivo di aggregare il meglio delle azioni europee ad alto e sostenibile dividendo nei prossimi anni. Vanta un dividend yield medio del 4,10% e un rapporto prezzo utili (p/e) di 10,1. Negli ultimi tre anni la sua performance è stata del 23,86% contro il 10,1% dello Stoxx 600 e il -7,92% dell’Msci Emu index.
Analisi
CorrierEconomia, ha esaminato i 25 componenti dell’indice Hterhidy (l’acronimo del nome) ed ha voluto indagare sul consenso che raccolgono tra gli analisti censiti da Bloomberg per conoscere quali siano i più sottovalutati (vedere tabella) scoprendo che, se in media l’indice ha un potenziale upside del 13% circa, ci sono titoli che potrebbero salire molto di più.
Royal Imtech, società olandese specializzata in sistemi di automazione industriale e servizi d’ingegneria elettrica e meccanica, ha un target price medio di 24,3 euro per azione che, qualora fosse raggiunto dai prezzi attuali significherebbe una performance del 44,9%. Ma ci sono anche analisti, come quelli di Sns Securities e quelli di Petercam, per i quali il titolo può spingersi fino a 29 euro. Il colosso energetico transalpino Gdf Suez, può invece salire del 35,6% se il suo prezzo toccasse i 20,6 euro del target price: gli esperti di CM Cic Securities però ritengono che si possa arrivare fino a 23 euro per azione. L’inglese Ferrexpo, attiva nell’estrazione e vendita di minerale di ferro, ha un upside potenziale di 28,5% con target price a 285,3 pence per azione: gli analisti di Seymour Pierce la valutano però 464 pence. Alstom, operativa nel mercato elettrico e in quello del trasporto ferroviario, potrebbe invece salire del 13,1% prima di raggiungere il suo target price medio posto a 33,7 euro per azione: asticella che invece gli esperti di AlphaValue fissano a quota 42,7 euro. Anche i titoli Kpn, società telecom olandese, hanno un buon upside potenziale superiore al 16%. L’unica italiana nell’indice, Lottomatica, è accreditata invece di un target price di 18,7 euro per azione, ovvero il 14,4% in più dell’attuale prezzo di mercato: per gli analisti di Ca Cheuvreuz, però, il titolo potrebbe spingersi fino a 21 euro.
Specialisti
Fin qui le stime degli analisti sui singoli titoli dell’indice Hterhidy del Credit Suisse. Per gli investitori che però preferiscono evitare il fai da te c’è la possibilità di affidarsi a fondi specializzati in titoli high dividend sia europei che di altre aree geografiche (Asia, Usa) o anche di respiro internazionale (vedere tabella).
Tra quelli focalizzati sul Vecchio Continente, Schroder European Equity Yield ha 51 titoli in portafoglio i primi 10 dei quali pesano per il 35,5% del totale. Più o meno lo stesso numero di componenti (52) che costituiscono il portafoglio del comparto M&G Pan European Dividend che punta, soprattutto, su Sanofi, Bp, Vodafone, Hsbc, Roche, Novartis, Prosafe, Bhp Billiton, British American Tobacco e Prudential. Raiffeisen Azionario Top Dividend , invece, è esposto su 56 società le prime dieci delle quali pesano per il 31% circa: Roche, Vodafone, Compass, Royal Dutch, Green King, Centrica, National Grid, Novartis, Tds, Pearson.
Ad di fuori dell’Europa si distinguono invece i comparti Schroder Asian Equity Yield, nel Far East, Bnp Paribas L1 eq.High Dividend Usa Cap a Wall Street e M&G Global Dividend.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa