Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I disoccupati sono 2,8 milioni: come nel 1987

ROMA — Era il luglio 1987, la disoccupazione al 12% e i disoccupati avevano sforato quota 2,8 milioni. Venticinque anni dopo, il Paese è cambiato, ma siamo di nuovo lì. Di nuovo al record: in 2 milioni e 800 mila sono in cerca di lavoro e il tasso di disoccupazione è al 10,8%, 2,7 punti in più rispetto a un anno fa. Nel frattempo l’Istat ha affinato la rilevazione, ha inaugurato le nuove serie nel 2004, e prendendo a riferimento quell’anno la situazione occupazionale non è mai stata così grave. Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni a giugno è al 34,3%, sono 608 mila i ragazzi in cerca di un posto.
Soprattutto l’Istituto di statistica dice che c’è un forte calo del numero di inattivi, quelli che non hanno un’occupazione e neppure la cercano: su base annua la diminuzione è di 752 mila unità (-5%). E il vero segno della crisi è lì. Ora cerca un lavoro anche chi prima riusciva ad andare avanti senza. E in assenza di uno sbocco — il tasso di occupazione al 56,9% è infatti stabile rispetto a un anno fa, in diminuzione di 0,1 punti nel confronto con maggio — adesso ingrossano le file dei disoccupati, che in un anno sono diventati 761 mila in più.
Secondo l’economista Pietro Garibaldi è questo crollo degli inattivi il dato più sorprendente, oltre che drammatico: «Va preso con cautela. Mi sarei aspettato un aumento degli scoraggiati, invece il fatto che si cerchi lavoro nel momento in cui non c’è è un segnale di disagio». «La grande crisi è iniziata nel 2008. Nel 2010-2011 il Pil ha avuto un piccolo rialzo, mentre — spiega — il mercato del lavoro non ha mai avuto un’inversione di tendenza, non si è mai invertita la rotta negativa. La disoccupazione giovanile, ora vicina al 35%, era al 18-19% prima che iniziasse la recessione».
A fronte di questi dati la Cgil ritiene un boomerang la riforma del mercato del lavoro, in vigore da pochi giorni. «Il provvedimento — dice il segretario confederale Serena Sorrentino — con l’annessa diminuzione delle coperture sugli ammortizzatori, combinato con l’allungamento dell’età pensionabile ha determinato un cortocircuito nelle dinamiche del mercato del lavoro». I dati dell’Istat, aggiunge, «non ci dicono solo che la crisi economica è profonda ma che la ripresa diventerà una chimera se il governo non cambia registro sulle politiche economiche e industriali». Il leader della Cisl, Raffele Bonanni, si rivolge direttamente al presidente del Consiglio. «Chiediamo a Monti: basta con questi polveroni su cosa fa salire lo spread, si occupi di sviluppo con parti sociali ed enti locali. Un clima nuovo non si crea con il castigamatti e mille decreti ma con la collaborazione».
Le Borse tra l’altro sembrano in attesa. Lo spread in apertura di giornata è sceso ulteriormente, a 460 punti, rispetto alla chiusura di lunedì, ma poi ha chiuso a 480 sul Bund tedesco, con il rendimento del Btp a 10 anni al 6%. Sui mercati si ridimensionano gli entusiasmi, aspettando le decisioni del consiglio della Bce di oggi e domani, e le Borse dopo 4 sedute chiudono in territorio negativo. Piazza Affari è tornata in rosso con il Ftse Mib che ha perso lo 0,62%. Hanno contribuito i dati sotto le attese di alcuni colossi societari, come la Fiat che ha perso il 4,44% e Finmeccanica al -2,3%. Anche la Borsa di Madrid ha chiuso in ribasso dello 0,94%. Lo spread dei Bonos chiude in rialzo a 546 punti base, il rendimento del decennale sale al 6,74%. Londra è in ribasso dell’1%, Francoforte invariata (-0,03%).
Ma è la disoccupazione che ora preoccupa tutta l’Europa. Nei Paesi dell’area euro a giugno ha toccato l’11,2%, il livello più alto dal 1999, quando è nata l’area della moneta comune. Anche in Germania a luglio si è registrato un incremento di 7 mila disoccupati, portando il totale dei senza lavoro a 2,89 milioni, con la disoccupazione stabile al 6,8%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa