Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I crediti Iva spia dell’evasione

di Valerio Stroppa  

I crediti Iva mettono il fisco sulla traccia dell'evasione. Tanto che nel 2010 questo criterio di selezione dei contribuenti ha permesso all'erario di elevare contestazioni per 5,5 miliardi di euro. A tanto ammontano gli accertamenti effettuati nel 2010 dagli uffici dell'Agenzia delle entrate nei confronti di soggetti che presentavano Iva a credito in sede dichiarativa: lo scorso anno i controlli fiscali così delineati sono stati complessivamente quasi 100 mila, vale a dire il 5% in più rispetto ai 94 mila del 2009. E tra minori crediti e maggiore Iva a debito accertati le rettifiche sono state pari a 5.502 milioni di euro, contro i 4.856 milioni del 2009 (anno in cui, peraltro, si è avuta la stretta sulle compensazioni avviata dal dl n. 78/2009). Dai dati diffusi nei giorni scorsi dalle diverse Direzioni regionali delle Entrate emerge che sul territorio i numeri sono ben distribuiti. I controlli nei confronti dei contribuenti che presentavano crediti Iva, infatti, sono risultati numerosi anche nelle regioni più piccole (si veda tabella in pagina), a testimonianza di un operato condiviso e impartito a livello centrale. Si ricorda, infatti, che la circolare n. 20/E del 2010 dell'Agenzia, recante gli indirizzi operativi anti-evasione per l'anno scorso, inseriva i crediti Iva utilizzati in compensazione o riportati al successivo periodo di imposta di importo significativo tra i principali indici di rischio di evasione. In questo senso, i recuperi maggiori si sono registrati in Lombardia (1,3 miliardi di euro) e Lazio (1,1 miliardi), ma anche in Puglia, Veneto, Emilia-Romagna, Campania e Sicilia. Ma il 2010 ha visto anche l'ulteriore potenziamento del redditometro. Mentre sul piano nazionale ad ogni accertamento sintetico è corrisposta in media una maggiore imposta accertata di 16.400 euro, in alcune regioni i redditometri sono stati più «ricchi». È il caso del Lazio (23 mila euro medi), della Lombardia (22.800 euro), della Campania (19.800 euro) e del Veneto (19.400 euro).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come se fossimo tornati indietro di sei mesi, il governo si divide tra chi vuole subito misure anti-...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Arriva la firma del premier Conte al decreto di Palazzo Chigi che autorizza la scissione degli 8,1 m...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppia proroga della cassa integrazione per l’emergenza Covid-19 per assicurare la copertura fino ...

Oggi sulla stampa