Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Hogan dà 48 ore a Alitalia “Garanzie su conti e Poste altrimenti non firmiamo”

Etihad detta le condizioni finali («poche ma significative ») cui è disposta a sottoscrivere un’intesa con Alitalia «non oltre la scadenza fissata del 31 luglio». James Hogan, il numero uno della compagnia di Abu Dhabi, avrebbe dettagliato l’elenco dei “punti da risolvere” in una mail inviata nella serata di ieri ai vertici della compagnia italiana con la richiesta di girarla poi agli altri protagonisti della partita.

Noi vogliamo investire 560 milioni — scrive il manager australiano secondo quanto ricostruito da Repubblica grazie a fonti vicine agli emiri — ma i nodi da sciogliere sono diventati più complessi alla luce delle «revisioni negative sulla redditività di Alitalia e della struttura dell’accordo presentata dalle Poste».
Se non siamo certi che i soci siano in grado di garantire al vettore finanziamenti adeguati e capitale ad Alitalia, concluderebbe, «non sarebbe possibile firmare l’intesa». Il problema della struttura azionaria proposta da Francesco Caio era nella serata di ieri all’esame dei legali. Mentre sulla redditività e le prospettive del gruppo gettano acqua sul fuoco fonti vicine al consiglio dell’aerolinea italiana: sono quelle note e presentate nell’ultimo bilancio.Hogan avrebbe messo nero su bianco le altre garanzie chieste dal Golfo «sulle quali si attendono riscontri» ma che in realtà non dovrebbe essere difficile assicurare. Si tratterebbe di una decisione finale sui contenziosi con Toto, del via libera dei sindacati (a parte un po’ di fibrillazioni ormai incassato) e della certezza che la nuova struttura dell’accordo abbia una sorta di via libera preventivo della Ue. Alitalia, Governo, Poste e Cai sono al lavoro per dare una quadra definitiva alla vicenda. «Noi lavoriamo sulle questioni aperte» ha detto Etihad in una nota. «L’alternativa è l’intesa o il baratro », ha ribadito Maurizio Lupi. Quale delle due strade si prenderà, lo si capirà nelle prossime 48 ore.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vietato giocarsi il futuro del Paese, usando la giustizia come pericoloso terreno di conflitto. O pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

C’è una gag, in vita Arenula. La riforma del processo civile, la più importante di tutte perché...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Da quando ha messo piede in via Arenula il 13 febbraio la giurista Marta Cartabia ha perseguito un o...

Oggi sulla stampa