Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Havas, un ecosistema digitale per migliorare lo smart working

Nella grande incertezza, una sicurezza per le aziende c’è: il lavoro da casa sarà una scelta obbligata ancora per mesi. Una volta tornata la normalità, poi, lo smart working diventerà spesso strutturale almeno per uno o due giorni alla settimana. Ora, però, la cosa più urgente per le aziende è attraversare la tempesta della pandemia a ranghi stretti, difendendo la motivazione e la serenità dei collaboratori, asset fondamentale per raggiungere gli obiettivi aziendali.

Questa nuova situazione sfida il mondo dei servizi alle imprese. Che si trova a far fronte a una domanda tutta nuova. Per dare una risposta, l’agenzia di comunicazione Havas Italia e una società che opera nella gestione risorse umane, Lang&Partners, hanno unito le forze. Il risultato è il progetto «Activate people». I gruppi da «attivare» sono due. Da una parte i collaboratori che devono essere tenuti «a bordo» e motivati. Dall’altra i manager che stanno cambiando in corsa il modo di lavorare, e devono imparare in fretta a valutare i risultati invece della presenza.

«Durante il lockdown ogni impresa ha cercato la sua strada in emergenza, ora questa situazione si è stabilizzata. Ed è diventato urgente evitare che i valori aziendali passino in secondo piano. Un aspetto che influirebbe negativamente sui risultati», dice Roberto D’Incau, ceo di Lang&Partners Younique human solutions. «C’è poi sempre più pressante il problema della comunicazione interna. In questa fase la sua centralità è assoluta, e va quindi potenziata, talvolta cambiata. Non dimentichiamo che oggi, attraverso i social, anche i dipendenti possono essere attivi nella comunicazione dell’azienda verso l’esterno», aggiunge Caterina Tonini, ceo di Havas Pr.

Ma quali supporti si possono offrire a chi sta lavorando da casa? «Per esempio webinair per sostenere il benessere psicologico delle persone e aiutare a tenere a bada lo stress — esemplificano D’Incau e Tonini —. Siamo già partiti con alcune aziende». Certo, le imprese interessate a questo tipo di servizio saranno soprattutto quelle che non vedono intaccato il modello di business dalla pandemia. Numerose soprattutto in alcuni settori, dalla farmaceutica all’alimentare.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ultimo miglio con tensioni sul piano italiano per il Recovery Fund. Mentre la Confindustria denuncia...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le diplomazie italo-francesi sono al lavoro con le istituzioni e con le aziende di cui Vivendi è un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La tempesta del Covid è stata superata anche grazie alla ciambella di salvataggio del credito, ma o...

Oggi sulla stampa