Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gtech paga la cedola e riorganizza tutte le attività italiane

Altro passo avanti di Gtech nel complessivo riassetto che porterà infine alla fusione con Igt. Il consiglio di amministrazione della società ha deliberato ieri due passaggi fondamentali: ha stabilito l’acconto sul dividendo che verrà distribuito ai soci, approvando peraltro i conti al 30 novembre, e ha disposto la riorganizzazione di tutte le attività italiane accorpandole in un’unica società.
L’anticipo sulla cedola è stato fissato in 0,75 euro per azione e verrà pagato il prossimo 21 gennaio 2015, per un importo complessivo di circa 130 milioni di euro. A beneficiare del dividendo saranno tutti gli azionisti del gruppo eccetto quelli che hanno validamente esercitato il proprio diritto di recesso.
Gtech, come previsto dall’accordo di integrazione con Igt, non pagherà altra cedola fino alla chiusura dell’operazione. Al contempo, Igt ha dato evidentemente il proprio benestare alla distribuzione anticipata del dividendo, che come da intesa dovrà essere pagato dopo il 15 gennaio 2015, in sostituzione della cedola ordinaria che Gtech avrebbe eventualmente pagato sulla base dell’accordo di fusione.
Il consiglio è stato anche l’occasione, complice l’acconto sul dividendo, per aggiornare i numeri di bilancio. Conti che al 30 novembre scorso si cono chiusi con un utile netto di 227 milioni e un patrimonio netto di 5,587 miliardi. Il board è servito anche per definire un altro tassello chiave del complessivo riassetto: la riorganizzazione delle attività italiane. Una riorganizzazione che vale attorno a 2,4 miliardi. Gtech ha infatti proceduto al trasferimento sotto il cappello di Lottomatica Holding, controllata al 100%, di tutte le società operative in Italia. Una parte è stata spostata attraverso conferimento e un’altra tramite cessione. In particolare, sono state conferite, per un controvalore di 908 milioni, Lottomatica Italia Servizi, Sed Multitel e Lottomatica Scommesse. Sono state invece cedute, a un prezzo totale di 1,442 miliardi, Lotterie Nazionali (64%) e Lottomatica Videolot Rete (100%).?La mossa avrà efficacia a partire dal prossimo 31 dicembre 2014.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un anno dopo aver scosso Wall Street mettendo le politiche a tutela dell’ambiente al centro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Proprio nel giorno delle dimissioni del governo Conte dagli ambienti finanziari trapela con determin...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il Cr7 dei banchieri ha vinto, come nelle previsioni, la corsa per la poltrona più alta d...

Oggi sulla stampa