Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Greggio, Riad pronta ai tagli produttivi Merrill Lynch: riserve valutarie a rischio

L’Arabia Saudita, proprio il Paese a cui tutta l’Opec ha guardato finora invano perché tagliasse la produzione per rialzare il prezzo del greggio, non ha retto allo stress-test. Ora che il Brent è crollato a 50 dollari, il livello più basso dal 2009, dopo che fino a settembre viaggiava costante intorno a 100, i regnanti di Riad si sarebbero decisi a cambiare politica e pilotare i prezzi verso il rialzo. Ne è sicura la Merrill Lynch, che in un report pubblicato ieri mattina per la prima volta dipinge il nuovo scenario: i prezzi avrebbero toccato il fondo, e i sauditi per primi vogliono ora farli risalire. Sarà un caso, ma ieri pomeriggio il Brent, che era sceso fino a 49 dollari in apertura di seduta, ha ripreso quota e ha chiuso a quasi 52 dollari. La previsione formulata dalla banca d’investimenti è che il regno tagli da 11 a 9,7 milioni di barili al giorno la produzione in tempi rapidi. Il changeover, il passaggio strutturale dall’epoca del caro-petrolio a quello del greggio lowcost, torna insomma in discussione. I sauditi si sarebbero accorti che con valori troppo bassi non riescono a finanziare i loro programmi di sviluppo, a meno di intaccare pesantemente le riserve in valuta. «Solo un petrolio a 90 dollari potrebbe tutelare il livello delle riserve monetarie da qui al 2025», scrive la Merrill Lynch. L’alternativa è che Riad mantenga immutate le spese sui livelli del 2013, il che contraddice i programmi di sviluppo. «Il deterioramento delle condizioni finanziarie con un greggio a 50 dollari potrebbe essere compensato solo con una serie di dolorosi aggiustamenti e manovre fiscali». Uno “scenario-Italia” dal quale i sauditi vogliono tenersi bene alla larga.

Jean-Michel Saliba, l’economista della Merrill Lynch di origini arabe che da Londra coordina le analisi sul Medio Oriente, è andato a spulciarsi i bilanci di previsione di Riad per il 2015 e ha scoperto che nei calcoli sauditi già con un petrolio a 75 dollari il rapporto deficit/Pil schizzerà al 9% dal 4% del 2014, e con una quotazione di 50 arriverebbe al 20%. E tutto questo solo a patto che non salgano le spese correnti. Per un Paese che ha conosciuto in passato le angustie di alti deficit è un’impennata intollerabile. Identico discorso per il debito pubblico, che l’Arabia Saudita è riuscita a contenere nell’invidiabile livello dell’1,6% del Pil (da un picco del 102% nel 1998) e che schizzerebbe anch’esso subito. «Gli scenari simulati dimostrano che gli squilibri macroeconomici crescerebbero rapidamente a meno di aggiustamenti fiscali». Di qui la decisione di invertire la tendenza. Non sarà questione di giorni, ovviamente. Secondo la Merrill Lynch per i sauditi sarebbe per ora sufficiente riportare le quotazioni in tempi rapidi a 60-65 dollari, per poi farle risalire almeno a 70, il livello del pareggio di bilancio. Ma Riad vuole andare oltre: «Solo un greggio a 90 dollari permetterebbe al regno di salvaguardare i livelli delle riserve valutarie e di impostare programmi d’investimento», scrive l’analista. «Viceversa se si andrà avanti ai valori attuali, le riserve saranno completamente esaurite entro il 2023 e il debito pubblico supererà il 40% anche senza spese ulteriori». Di più: «Anche con il greggio a 70 dollari i depositi governativi finirebbero nel 2026». Insomma ce n’è abbastanza per dire basta ai prezzi attuali.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non chiamatela più utility locale. Il gruppo A2a cerca il salto di categoria: da società dei servi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo la crisi, scatta la "riscrittura" del Recovery Plan da parte del Parlamento. Il documento di 16...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A2A lancia il piano industriale al 2030 per riposizionare l’azienda, «passando dal mezzo al fine,...

Oggi sulla stampa