Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Grecia, prove di salvataggio Ma decidono i capi di governo

La trattativa per il salvataggio della Grecia dall’insolvenza passa oggi alla valutazione del Consiglio dei 28 capi di Stato e di governo dell’Ue, dove è atteso il primo «faccia a faccia» tra il nuovo premier greco di estrema sinistra Alexis Tsipras e la cancelliera tedesca di centrodestra Angela Merkel. Nell’Eurogruppo a Bruxelles dei 19 ministri finanziari, andato avanti fino a notte, è iniziato il negoziato tecnico per superare le posizioni opposte di Atene e di Berlino con l’obiettivo di arrivare a un compromesso nella riunione di lunedì prossimo. 
Socialisti francesi come il commissario Ue per gli Affari economici Pierre Moscovici e il ministro delle Finanze Michel Sapin, insieme al responsabile dell’Economia Pier Carlo Padoan, hanno mediato tra la linea di Tsipras, che ha vinto le elezioni promettendo la fine delle misure di austerità imposte dalla troika dei creditori (Commissione europea, Bce e Fondo monetario di Washington), e quella di Merkel, che ha garantito al suo elettorato rigore con i Paesi mediterranei indebitati.
Fuori dall’Eurogruppo dimostranti belgi hanno appoggiato la Grecia e protestato contro le misure di austerità. Moscovici ha sostenuto che le istituzioni Ue «non possono non ascoltare le richieste degli elettori, che hanno chiesto un cambiamento». Ma ha ricordato che «la base» della trattativa è negli «impegni presi dalla Grecia».
Il presidente olandese dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem ha ribadito la linea tedesca sul programma da attuare, aprendo a ridiscutere «come e a quali condizioni». Il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis ha espresso diplomatici giudizi celebrativi su Merkel e sul suo responsabile finanziario Wolfgang Schäuble per favorire l’accoglimento della sua proposta in cambio del rispetto del «70%» degli impegni del passato. Atene vorrebbe poter emettere titoli a breve termine per otto miliardi (da piazzare al fondo salva Stati dell’eurozona) e recuperare 1,9 miliardi guadagnati dalla Bce acquistando titoli greci. L’obbligo di avanzo primario nel biennio di circa il 5% del prodotto interno lordo intende ridurlo all’1,5%. I diktat della troika sarebbero sostituiti dalla consulenza dell’Ocse di Parigi.
Tsipras potrebbe così rispettare alcune promesse elettorali (dall’aumento dei salari minimi fino a sostegni antipovertà) e avere tempo fino all’estate per concordare un piano di rilancio dell’economia con Ue e Germania.
Ma Schäuble ha insistito sul rispetto del «programma» di austerità aprendo a una sostituzione della troika più formale che sostanziale. Il presidente della Bce Mario Draghi ha partecipato all’Eurogruppo, dove il direttore francese del Fmi Christine Lagarde ha incontrato Varoufakis e ha parlato di «avvio di un processo». Oggi a Bruxelles i capi di governo devono anche allontanare il rischio geopolitico degli aiuti alla Grecia offerti da Russia, Cina e Stati Uniti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa