Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Grecia in default ma dentro l’euro Merkel prepara il piano d’emergenza

Angela Merkel ha deciso: Tsipras può non piacere, ma bisogna tentare tutto, anche l’impossibile, per tenere la Grecia nell’euro ed evitare un Grexit. Il suo governo prepara un piano che permetterebbe ad Atene di restare nell’eurozona anche in caso di default. Lo scrive stamane l’autorevole settimanale Die Zeit . Poche ore dopo, dichiarazioni del ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble, che si è detto «fiducioso che la Grecia non uscirà dalla moneta unica, sebbene i mercati lo diano già per scontato», ha rafforzato i segnali di apertura tedesca. Ma un brutto colpo alle chances del paese ellenico è venuto invece da Standard&Poor, che ha tagliato il rating greco da B- a CCC+, cioè vicino al livello spazzatura, con out look negativo. E in vista dell’Eurogruppo del prossimo 24 aprile, il vicepresidente della Commissione e commissario europeo agli affari monetari Valdis Dombrovskis ha espresso il massimo scetticismo sulla capacità del governo Tsipras di rimborsare a tempo le prossime rate di crediti e sulla sua credibilità negoziale. Affermando che al consulto del 24 non verranno approvati nuovi crediti.
Su questo sfondo, Angela Merkel sembra aver scelto di sfidare gli umori antiellenici diffusi nell’opinione pubblica tedesca, cercando di muoversi di concerto con Mario Draghi e Jean-Claude Juncker. Il piano tedesco prevede iniziative per consentire alla Banca centrale europea Bce di continuare a finanziare il paese ellenico anche in caso di default, cosa che non è permessa dai trattati costitutivi dell’unione monetaria e dalla Bce stessa. La cancelliera pensa a una deroga per i flussi di liquidità in euro alle banche private greche anche dopo una eventuale bancarotta dello Stato ellenico. Il quale potrebbe essere sostenuto dagli istituti di credito nazionali con operazioni come acquisti di titoli di Stato, senza diretto coinvolgimento della Bce stessa. In cambio, la Germania vuole da Tsipras un atteggiamento di chiara collaborazione e concreti impegni di riforme, tagli e privatizzazioni. In caso contrario, continua il settimanale-tempio dei media di qualità tedeschi, allora il governo federale cambierebbe valutazione e strategia e prenderebbe in considerazione anche l’ipotesi concreta di un’uscita della Grecia dall’unione monetaria. Anche nel caso di un Grexit comunque la Bundesrepublik vorrebbe operare di concerto con Draghi e Juncker e con i partner dell’eurozona per mantenere Atene legata all’Europa, per esempio attraverso aiuti finanziari d’emergenza di Bruxelles che consentirebbero a Tsipras e Varoufakis di gestire la fase di transizione dall’euro al ritorno alla dracma.
Se le notizie date da Die Zeit sono vere, Angela Merkel si smarcherebbe in modo importante dalla Bundesbank e dalla maggioranza di commentatori ed economisti tedeschi. E sentendosi all’apice della popolarità a casa, affronterebbe l’umore dei suoi elettori: secondo gli ultimi sondaggi sono appena il 20% i tedeschi disposti a concedere nuovi aiuti a Atene.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa