Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

I grandi della tecnologia a Torino Nasce una scuola per imprenditori

«Diritto e finanza erano campi in cui non si poteva inventare nulla di nuovo, volevo territori vergini da esplorare». È così che Peter Thiel ha deciso di mollare la carriera di avvocato a Wall Street e tornare in California dove ha creato PayPal. Storie come la sua raccontano bene cos’è lo spirito d’impresa, per questo Thiel assieme ad altri sette big della Silicon Valley — dal fondatore di Palantir al creatore di LinkedIn — sarà il 7 giugno ospite di «Sei Torino Forum». Il convegno, organizzato al Tag per il 7 giugno dalla Fondazione Agnelli, è stato annunciato ieri da John Elkann durante la presentazione della nuova School of Entrepreneurship and Innovation. Un progetto che — con sei partner pubblico-privati — punta a sviluppare l’attitudine imprenditoriale negli studenti universitari.

«A giugno festeggeremo un anno dall’inaugurazione di questo luogo e il forum lo abbiamo pensato per ribadire l’importanza di questa iniziativa — ha spiegato Elkann, vicepresidente della Fondazione — l’obiettivo è incoraggiare i giovani che hanno voglia di fare impresa». Per questo saranno invitati cento tra ragazzi e imprenditori che vivono in Europa. «Il formato sarà quello del dialogo, anche virtuale, i panel infatti saranno in streaming online e si potranno fare domande da casa».

Sotto la Mole arriveranno Matt Cohler, general Partner di Benchmark, il fondo che finanziò l’avvio di Twitter e Instagram; Reid Hoffmann, cofondatore del social per chi cerca lavoro LinkedIn e partner di Greylock; Alex Karp ideatore e ad di Palantir Technologies, la società specializzata nella raccolta dati in chiave antiterrorismo (i suoi ingegneri hanno aiutato i marines a rintracciare Bin Laden); Luciana Lixandru, partner di Accel, venture capital già investitore in Facebook e questa estate nell’italiana Soldo; Xavier Niel, big delle telecomunicazioni d’Oltralpe, azionista di maggioranza del provider francese Iliad; Mike Volpi, general partner di Index Ventures, fondo che dedica risorse a fintech e e-commerce; e infine Riccardo Zacconi, creatore di King Digital Entertainment, famosa nel mondo per il successo planetario di Candy Crush Saga.

La Scuola è realizzata dal College des Ingenieurs Italia in collaborazione con Unicredit, Club degli Investitori, Camera di Commercio di Torino, Gruppo Giovani Imprenditori dell’Unione Industriale di Torino, Politecnico e Università di Torino. «E vuole offrire nuove opportunità per trasformare le idee d’impresa in startup, rafforzando il ruolo di Torino nel panorama europeo dell’innovazione», specifica Elkann. Il progetto è aperto a 220 studenti dell’ateneo torinese e dei Politecnici di Torino e Milano, ma la missione è allargarlo a 1.600 giovani entro i prossimi cinque anni. Quattro i moduli di insegnamento: «Explorer», con 31 allievi già al lavoro sui business plan di otto startup; «Pioneer», per sviluppare un prodotto hi-tech in sei ambiti dall’intelligenza artificiale alla robotica; «Changer», per creare business capaci di rispondere agli obiettivi di sviluppo sostenibile lanciati dall’Onu; e «Inventor», in cui verranno prototipate idee imprenditoriali con stampanti 3d e macchine a taglio laser.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa