Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il governo non convince i tassisti Oggi sciopero, città a rischio caos

E sciopero sarà. Dopo l’incontro con il governo i sindacati dei tassisti hanno confermato la mobilitazione fissata per oggi dalle 8 alle 22, con prevedibili disagi nelle grandi città. Non sono bastate le disposizioni di “contrasto agli abusi” contenute nella bozza di decreto che ieri il ministero dei Trasporti ha presentato alle auto bianche. Abusi, per i tassisti, sono quelli degli Ncc che, connessi a Uber, aspettano i clienti stazionando nelle città. Il decreto ribadisce, come previsto dalla legge del 1992, che devono attendere la prenotazione nella rimessa del Comune che ha rilasciato loro l’autorizzazione e tornarci dopo ogni servizio. A meno di aver registrato fin dalla partenza sul foglio di servizio più prenotazioni, o di ricevere al volo una richiesta che ha come destinazione il loro Comune. Altre novità sono la creazione di un registro per le piattaforme tecnologiche come Uber, che «devono avere sede legale e fiscale nella Ue». E il compito per le Regioni di pianificare il servizio sul territorio, stabilendo quante licenze Ncc far rilasciare ai vari Comuni.
Il decreto scontenta Ncc e Uber, che chiedevano meno vincoli. E il Codacons, che lo definiscono un «palliativo inutile a danno dei consumatori». Ma non blandisce le sigle più bellicose dei taxi, che dopo qualche momento di tensione fuori dal ministero confermano lo sciopero. Altre, come Uri, non aderiranno. La vera partita infatti si giocherà con il “decreto concorrenza”, che entro metà aprile dovrebbe delegare il governo alla riforma complessiva del settore. Intervento che si annuncia (un po’) più deciso: una delle ipotesi di lavoro sul tavolo prevede di concedere agli Ncc libertà di operare su tutto il territorio regionale, senza obbligo di tornare in rimessa dopo ogni corsa.

Filippo Santelli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non chiamatela più utility locale. Il gruppo A2a cerca il salto di categoria: da società dei servi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo la crisi, scatta la "riscrittura" del Recovery Plan da parte del Parlamento. Il documento di 16...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A2A lancia il piano industriale al 2030 per riposizionare l’azienda, «passando dal mezzo al fine,...

Oggi sulla stampa