Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Governi in pressing sulle banche

di Isabella Buffacchi

È iniziata ieri nell'Eurozona, principalmente in Grecia, Germania e Francia, la corsa contro il tempo per allestire alla svelta il secondo pacchetto di aiuti alla Grecia con la partecipazione dei principali creditori del settore privato cioè le banche e le compagnie di assicurazione. I ministeri delle Finanze in tutta la zona dell'euro hanno contattato le principali istituzioni finanziarie private, detentrici di bond greci, nei rispettivi Paesi per iniziare a sondare il terreno sulla effettiva disponibilità a partecipare al rollover «informale e volontario» che dovrebbe portare a una «consistente» rimodulazione delle scadenze dei titoli di stato greci. Francia e Germania sono state molto trasparenti nell'avvio di questa ricognizione: anche il Tesoro italiano dovrebbe aver mosso i primi passi ieri in questa direzione – nonostante le banche italiane abbiano un'esposizione minima – ma secondo fonti vicine al ministero dell'Economia il coinvolgimento delle banche è al momento «in corso di valutazione».

Entro il 3 luglio, come annunciato nell'ultimo Eurogruppo che si è tenuto a Lussemburgo il 19-20 giugno, i dettagli di questa operazione senza precedenti per uno Stato dell'Eurozona dovranno essere delineati: questo consentirà al Fondo monetario internazionale di considerare certa la capacità della Grecia di rimborsare i debiti sul medio periodo, almeno entro l'arco temporale di un anno, e quindi di sbloccare la sua quota da 3,3 miliardi della quinta tranche di prestiti da 12 miliardi (di cui 8,7 a carico degli Stati dell'Eurozona, Portogallo e Irlanda esclusi) da erogare agli inizi di luglio.

I primi contatti che hanno avuto luogo ieri tra i ministeri delle Finanze e le banche sono stati essenzialmente esplorativi. Stando alle stime di Bnp Paribas, pubblicate in un rapporto a firma di Luigi Speranza, Eoin O'Callaghan e Gizem Kara, il secondo pacchetto di sostegno alla Grecia (in aggiunta ai 110 miliardi già impegnati, dai Paesi dell'eurozona per 80 miliardi e dall'Fmi per 30) dovrebbe ammontare a 60 miliardi ripartiti in 40 miliardi a carico dell'Europa (attraverso il veicolo per la stabilità finanziaria Efsf) e 20 miliardi a carico del Fondo. In aggiunta, l'allungamento della durata dei titoli di stato greci in scadenza nei prossimi anni dovrebbe portare a un sollievo per le casse dello Stato greco tra i 20 e i 30 miliardi. Se è vero che i titoli di stato greci in circolazione ammontano a 270 miliardi (su un totale di 350 miliardi di debito pubblico greco), di questi una quota è in T-bill non allungabili, un'altra quota attorno ai 45miliardi è in mano alla Bce (fuori dal rollover) e ai risparmiatori (fuori dal rollover) mentre altri titoli sono posseduti da investitori istituzionali greci ed europei come i fondi pensione, le compagnie di assicurazione, i fondi comuni.

In una decina di giorni, un tempo da record, l'Eurogruppo dovrà chiudere il cerchio sul secondo pacchetto di aiuti alla Grecia accontentando interessi a volte contrapposti. Alcuni Stati "core", tra i quali Germania, Olanda e Finlandia, premono per un coinvolgimento ampio dei creditori privati, soprattutto le banche. Per evitare che le agenzie di rating facciano scattare il "selective default" o il "restricted default" o più semplicemente il "default", il meccanismo del rollover dovrà essere tale da non imporre ai privati – agli occhi delle agenzie di rating – una grossa perdita nel passare da un titolo rimborsato a 100 (alla pari) all'acquisto in contemporanea di un altro titolo greco con scadenza a sette anni e cedola sotto il livello di mercato (ieri i bond settennali greci rendevano il 18,53% con un prezzo crollato a quota 49,00). Per riuscire ad accontentare tutti, il rollover dovrebbe sostituire i titoli che scadono prossimamente con nuovi bond con scadenza a sette anni e cedola al 5% (per agevolare la sostenibilità del debito greco), con un valore di mercato maggiorato virtualmente da garanzie "AAA" o altro collaterale: dall'incasso delle privatizzazioni (che però dovrebbe servire a tagliare lo stock del debito), alle proprietà fondiarie o asset illiquidi greci non privatizzabili, per finire a un ruolo di garante assegnato al veicolo Efsf.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le recessioni impattano sulle pensioni future. Ma un Pil allo zero virgola fa anche peggio. Un Paese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’efficace contrasto al fenomeno mafioso sempre più pervasivo nel tessuto imprenditoriale ed econ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Parte la possibilità per le imprese di ottenere liquidità per un milione di euro a fronte di aumen...

Oggi sulla stampa