Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Google sfida Spotify: su Youtube arriva la musica in streaming

Google lancia Youtube Music e sfida il duopolio di Spotify e Apple. Oggi il gruppo californiano presenterà il nuovo servizio di musica in streaming per offrire audio e video degli artisti preferiti con un’unica applicazione.

Due le versioni disponibili, per ora solo negli Stati Uniti, in Australia, Nuova Zelanda, Messico e Corea del Sud: gratuita con la pubblicità oppure a pagamento attraverso un abbonamento mensile di 9,99 dollari, che includerà anche Google Play Music, l’attuale servizio di musica in streaming del gruppo di Mountain View. La differenza tra i due servizi? Oltre a un catalogo diverso, visto che Google Play offre soltanto le canzoni ufficiali, YouTube Music permetterà di ascoltare (e vedere i video) dei remix, delle versioni live, delle parodie o di chi non ha mai inciso un disco.

Ma c’è un’altra novità. Google ribattezzerà YouTube Red, che diventerà YouTube Premium. Oltre al prezzo (11,99 dollari al mese), la versione più costosa darà accesso anche a contenuti esclusivi e video off-line, oltre a eliminare totalmente la pubblicità. Mentre YouTube Music rimuoverà le inserzioni sole dai contenuti musicali.

Innovativo sarà anche il modo con cui si possono cercare le canzoni, grazie all’uso dell’intelligenza artificiale. Se non si ricorda il titolo o l’autore, si potrà ad esempio, digitare alcune parole del testo oppure semplicemente descrivere in modo generico a parole nostre la canzone che abbiamo in mente. Il servizio, promette Google, può suggerirci la compilation ideale a seconda del luogo dove ci troviamo.

Se YouTube è la più grande piattaforma digitale di video, la musica è diventata una parte sempre più grande del suo giro di affari: si calcola che ogni mese oltre un miliardo di persone visitano il sito per la musica. Un altro numero: l’anno scorso il video di «Despacito» è stato visto più di 5 miliardi di volte. Oggi il primo servizio mondiale di musica in streaming è Spotify, con più di 75 milioni di abbonati paganti (9,99 dollari al mese nella versione premium) e 170 milioni di utenti in tutto il mondo. Morgan Stanley stima che YouTube Music riuscirà ad avere 25 milioni di abbonati entro il 2022, con un fatturato pari a 3 miliardi di dollari all’anno.

Giuliana Ferraino

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È un falso dilemma» che la Bce abbia un solo mandato e la Federal Reserve due. Anche la Banca ce...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un intervento normativo finalizzato a favorire il rafforzamento patrimoniale delle società di capit...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scuola e lavori pubblici, settore residenziale e miglioramento delle norme in fatto di appalti, come...

Oggi sulla stampa