Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Google e Apple, spiccioli alla Francia

Solo le briciole per il Fisco di Parigi. Lo scorso anno, colossi multinazionali del calibro di Facebook, Apple, Microsoft, Amazon, Google ed eBay avrebbero versato all’Erario francese una cifra compresa tra il 4 e il 10% delle tasse effettivamente dovute. E questo, attraverso il ricorso a complicati intrecci societari o architetture fiscali realizzate nel pieno della legalità dai loro consulenti, andando a sfruttare le falle del sistema tributario del Vecchio continente.

Stando all’analisi realizzata dal magazine francese Paris Match, lo scorso anno Amazon ha versato al Fisco di Parigi solamente 5,5 milioni di euro sui 245 milioni di vendite realizzate in Francia, 13,2 milioni in meno di quanto avrebbe dovuto. E questo, grazie a un sistema che canalizza le vendite direttamente sulla piattaforma lussemburghese della società riducendo al minimo l’imponibile transalpino. Sistema simile a quello utilizzato da Facebook che nel 2014 ha pagato tasse per appena 319.167 euro a fronte di un fatturato di 13 milioni. Valore estremamente basso rispetto a quanto calcolato da fonti giornalistiche. Se è vero infatti che il fatturato medio di Facebook in Europa si attesta a 11,6 euro per utente, come dichiarato dalla società, il giro d’affari del social network in Francia dovrebbe attestarsi almeno a 300 milioni di euro grazie ai più di 30 milioni di francesi in possesso di un account. Altre società, del calibro di McDonalds, ricorrono al meccanismo del pagamento delle royalties a consociate per abbattere la base imponibile.

E così, la società che gestisce il marchio Mc Donalds in Europa ha preso casa a Lussemburgo costringendo tutti i negozi attivi in Europa a versarle un obolo per ogni hamburger venduto, contribuendo così a ridurre il peso del fisco sul fatturato generato nei paesi ad alta tassazione. Hanno optato invece per l’Irlanda, Google e Microsoft che riescono così a ridurre l’aliquota media sugli utili di azienda al 12,5% rispetto al 33% pagato in media dalle imprese in Francia.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa