Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Good bank, Ubi non fa salvataggi

Seduta sugli scudi per Ubi banca a Piazza Affari: il titolo ha guadagnato il 9,12% a 3,088 euro dopo l’offerta vincolante presentata per tre delle good bank (BancaEtruria, BancaMarche e CariChieti) salvate a fine 2015. L’operazione non è un salvataggio ma un vero e proprio deal, ha sottolineato l’a.d. di Ubi, Victor Massiah, che avverrà «quando le condizioni che abbiamo posto saranno soddisfatte: da quel momento sarà una normale transazione effettuata per ottenere valore».

L’offerta del valore simbolico di un euro, inviata al Fondo di risoluzione, azionista dei tre istituti, è valida fino al 18 gennaio. Il giorno prima si riunirà il direttorio della Banca d’Italia per valutare l’operazione. «Siamo abbastanza ottimisti di ricevere un sì», ha detto Massiah.

Prima del perfezionamento è prevista la cessione di circa 2,2 miliardi di euro di crediti lordi deteriorati. Inoltre il fondo si assumerà l’impegno di procedere a una ricapitalizzazione delle banche, stimata in 450 milioni di euro, per riportare il Cet medio a un livello non inferiore al 9,1%. Dal canto suo Ubi, per mantenere già dal 2017 un livello di Cet1 Fully Loaded dell’entità combinata superiore all’11%, coerente con la situazione attuale, dovrà lanciare un aumento di capitale da 400 milioni per far fronte al temporaneo fabbisogno derivante dalla non piena computabilità, al momento dell’operazione, del cosiddetto badwill. Il Cet1 risulterà dal 2019 superiore ai target del piano industriale di Ubi, attestandosi nel 2020 al 13,5% rispetto al 12,8% previsto. L’operazione permetterà a Ubi di utilizzare le attività fiscali differite (oltre 600 milioni di Dta) sulle perdite fiscali pregresse delle tre banche.

Ubi prevede al 2020 un utile netto di 1,2 miliardi dall’entità combinata con le tre banche (comprensivo anche dei benefici previsti dall’utilizzo delle Dta e del badwill) rispetto ai 900 milioni attesi dal piano industriale del gruppo. Non vi sarà nessun cambio nella politica dei dividendi: «Manteniamo lo stesso livello dello scorso anno», ha assicurato Massiah.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa