Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Goldman Sachs, basta un dollaro

Goldman Sachs adesso si rivolge anche a chi non ha grossi patrimoni e la divisione online Gs Bank ha deciso di corteggiare qualsiasi americano che abbia in tasca un solo dollaro. Ai piccoli risparmiatori chiede di aprire il conto depositando anche un solo dollaro. L’obiettivo è superare il pregiudizio degli americani che la vedono come il simbolo della crisi del 2008.

Tra i potenziali clienti però c’è chi vede l’operazione con favore: «Ovviamente si prendono la colpa di molte cose. Ma Goldman è la Nike della finanza, un brand che tutti conoscono, quindi si tratta di un’iniziativa molto, molto positiva», dice Daniel Sigal, studente di Los Angeles, che si considera un aspirante uomo di Wall Street.

Dunque, anche le grandi banche, i nomi storici di Wall Street cambiano pelle. È il caso di Goldman Sachs, fondata 147 anni fa: un tempo serviva un conto corrente da 10 milioni di dollari per diventare cliente, oggi basta un dollaro. Una boutade? Una stiracchiatura dei media? Niente affatto. Come racconta il New York Times, in un momento in cui i giganti si interrogano su cosa voglia dire essere una banca d’affari moderna, uno degli istituti più elitari guarda ai piccoli risparmiatori e lo fa studiando particolari conti di deposito.

 

Ad aprile Goldman Sachs ha lanciato Gs Bank, una banca di risparmio online e disponibile solo negli Stati Uniti, che promette «risparmi tranquilli» e «nessuna commissione sulle transazioni». In poche parole, la divisione si rivolge agli americani qualunque, una clientela che la banca aveva costantemente evitato nel corso della sua storia, preferendo magnati e ultraricchi.

 

La crisi del 2008 e la successiva regolamentazione super severa introdotta dalle autorità americane come risposta al disastro finanziario del secolo ha convinto Goldman a cambiare rotta, allontanandosi almeno in parte dai terreni su cui si è mossa per decenni.

Nell’ultimo anno sono stati studiati conti correnti diversi, prestiti per le persone che devono fare i conti con i debiti delle proprie carte di credito e nuovi fondi di investimento che possono essere acquistati da chiunque abbia un account e-trade.

 

Anche il fatto che Gs Bank sia completamente online è un’innovazione significativa: per la banca il vantaggio principale, e ovvio, è il significativo risparmio dei costi tradizionalmente associati a sportelli bancomat e filiali fisiche. Va detto che nel settore bancario qualche sopracciglio si è alzato, soprattutto a causa della scarsa esperienza di Goldman Sachs nel settore, molto competitivo, del retail banking.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Parla il managing partner dello Studio Chiomenti: "Il numero di operazioni è in forte aumento già...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rischio paralisi. Perché quel che accade a Berlino si riflette direttamente a Bruxelles. Il probab...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I sindacati ripartono dalla lettera del primo settembre. Quella inviata al premier Draghi in cui i ...

Oggi sulla stampa