Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gli Usa ridanno fiato alle borse

Gli investitori tornano in campo e le borse mettono a segno forti guadagni. A spingere i listini sono state le ultime notizie sulle elezioni presidenziali provenienti dagli Stati Uniti: il numero uno dell’Fbi, James Comey, ha confermato che non sono state trovate nuove prove contro Hillary Clinton e che la candidata democratica non sarà incriminata per il cosiddetto Emailgate.
Gli operatori scommettono quindi sulla sua vittoria contro Donald Trump.

Intanto, a sorpresa, Sabine Lautenschlaeger, uno dei membri più intransigenti della Bce, si è schierata in difesa del presidente Mario Draghi contro le critiche rivolte dal fronte tedesco sui tassi di interesse. Lautenschlaeger ha definito gli attacchi di Berlino unilaterali, parziali e miopi, perché danno una rappresentazione parziale della realtà e non guardano al quadro completo dell’Eurozona.

In Europa, Piazza Affari si è posizionata in vetta: il Ftse Mib è terminato in progresso del 2,56% a 16.736 punti. Nel resto del continente bene Francoforte (+1,93%), Parigi (+1,91%), Londra (+1,70%) e Madrid (+1,45%). A New York gli indici viaggiavano in territorio positivo, con il Dow Jones a +1,88% e il Nasdaq +2,27%. Lo spread fra Btp decennali e Bund tedeschi è sceso a 156.

A Milano in luce le banche, trainate da B. Mps (+22,18%): Intesa Sanpaolo è salita del 5,88%, Unicredit del 4,90%, Mediobanca del 4,32%, Ubi B. del 4,07%, B.P. E.Romagna del 3,48%, B.P. Milano dello 0,25%. Invariato B. Popolare.

Fra gli industriali, su di giri Brembo (+4,73% a 55,35 euro), che ha festeggiato i conti: a detta di un analista il debito è stato migliore delle previsioni. Tenaris ha guadagnato l’1,17% a 13,02 euro: Goldman Sachs ha alzato il prezzo obiettivo da 13,1 a 13,3 euro confermando la raccomandazione neutral. Sotto la parità Telecom Italia (-0,27% a 0,748 euro). Nel resto del listino debole Saras (-0,76% a 1,565 euro). Nei cambi, l’euro ha chiuso in calo a 1,1039 dollari e 115,51 yen. Gli ultimi sviluppi legati alle elezioni americane hanno messo le ali al biglietto verde, che è avanzato a 104,61 yen. Giù anche la sterlina a 1,2406 dollari.

Per le materie prime, quotazioni petrolifere poco sopra la parità: a Londra il Brent era scambiato a 45,62 dollari e a New York il Wti viaggiava a 44,37 dollari (+30 centesimi). Forti realizzi sull’oro, in ribasso di 22 dollari a 1.279 dollari.

Massimo Galli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Contro le previsioni, anche il fondo Bluebell avrebbe raggiunto la soglia minima del capitale Mediob...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppio cda, per rispondere al governo. Oggi si riunirà prima Aspi, poi Atlantia. Non è detto che l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

llimity Bank ha finalizzato due nuove operazioni nel segmento 'senior financing' per un ammontare co...

Oggi sulla stampa