Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gli operai Goodyear sequestrano due dirigenti

PARIGI — L’ennesima riunione con i sindacati ha preso subito una brutta piega. Dopo pochi scambi di battute, i sindacalisti hanno chiuso la sala conferenze con un enorme pneumatico per trattori, proprio quelli che erano prodotti nello stabilimento fino a qualche settimana fa. Tutti gli altri ingressi degli uffici sono stati bloccati. Impossibile entrare o uscire. Il direttore della fabbrica Goodyear, Michel Dheilly, e il direttore del personale, Bernard Glesser, sono da ieri mattina “sequestrati”, una parola che i lavoratori contestano.
«Non si tratta di sequestro ma di una trattativa» puntualizza il conto Twitter dei rappresentanti sindacali della fabbrica di Amiens, nel nord della Francia, con quasi 1200 dipendenti.
E’ l’improvvisa svolta nel conflitto tra azienda e operai che va avanti da un anno, quando il gruppo ha annunciato la chiusura dell’impianto. Dopo tanti ricorsi in giustizia, i lavoratori hanno deciso sabato in un’assemblea di usare maniere forti. I manager sono stati presi in ostaggio durante l’incontro con i sindacati, previsto alle 10, primo giorno di ritorno al lavoro dopo le vacanze di Natale. I lavoratori chiedono al gruppo di riprendere in mano un vecchio piano per incentivare la mobilità e il pensionamenti anticipati, mentre i dirigenti hanno accantonato l’ipotesi, sostenendo che è inevitabile passare dalla cassa integrazione e ai licenziamenti. «Vogliamo soldi e sapere se c’è la possibilità di mantenere l’attività della fabbrica con un nuovo azionista» ha spiegato Franck Jureck, rappresentante della Cgt, il principale sindacato francese. Il gruppo americano Titan si è fatto avanti per riprendere lo stabilimento ma ha giudicato inaccettabili le condizioni poste dai lavoratori.
Stamattina è previsto un incontro in Prefettura con il numero uno di Goodyear in Francia, Henri Dumortier. Il gruppo ha “condannato” l’iniziativa dei lavoratori, definendola “pericolosa” e “controproducente”. Già in passato, i lavoratori di Goodyear avevano organizzato manifestazioni sfociate in disordini, con blocchi stradali, roghi di pneumatici. Nel marzo scorso, 19 poliziotti erano rimasti feriti durante un violento corteo nei pressi dello stabilimento.
Il sequestro di manager non è una novità in Francia. Tra il 2009 e il 2010, ci sono stati diversi episodi simili in altre fabbriche come Sony, Continental, Molex, Caterpillar. Ma i casi si sono sempre risolti nel giro di poche ore, giorni. Questa volta, gli operai promettono un lungo assedio. Hanno portato acqua, sacchi a pelo e coperte. «Rimarremo qui finché non avremo le garanzie che chiediamo» ha aggiunto il responsabile Cgt. Dall’inizio della crisi, i sindacati francesi hanno preso le distanze con queste pratiche violente dei lavoratori. Nel caso di Goodyear, i rappresentanti confederali partecipano invece attivamente alla forma di rivendicazione. Il segnale di una tensione sociale che cresce nel paese.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa