Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gli italiani non perdono la fiducia

di Marco Sabella

Cresce del 4,5% ad agosto il volume delle operazioni di pagamento realizzate in Italia attraverso le carte di credito rispetto al mese precedente dello scorso anno. Un incremento superiore al tasso di inflazione (2,8%), che segnala tuttavia una leggera decelerazione rispetto alla media di aumento del 5% dei 12 mesi precedenti. Un dato che potrebbe essere interpretato come un primo segnale di rallentamento dei consumi in seguito alla crisi di agosto.
La tendenza
È questo l'elemento più significativo che emerge dalla lettura del Barometro degli acquisti Cashless (senza contante) realizzato da CorrierEconomia e Cartasì, il primo emittente di carte di credito in Italia, con circa il 60% del mercato complessivo.
Creare un barometro dell'andamento dei consumi che riveli, in tempo reale, l'evoluzione delle abitudini di spesa degli italiani è un progetto che viene portato avanti da circa un anno dalla società attraverso l'Osservatorio acquisti Cartasì. «Si tratta di un'iniziativa che punta a utilizzare l'enorme mole di informazioni sui comportamenti di consumo dei propri clienti di cui disponiamo — spiega Francesco Pallavicino, responsabile marketing di Cartasì —. Abbiamo voluto, in altri termini, mettere a disposizione della business community, delle aziende e dei decisori pubblici una messe di informazioni che può servire per orientare le decisioni di pianificazione aziendale e pubblica». Il barometro «cashless» è riferito a un totale annuo di circa 68,6 miliardi di operazioni di compravendita (in valore), che hanno un ammontare medio di circa 100 euro. Seguire la crescita (o la diminuzione) delle operazioni di pagamento realizzate attraverso la carta di credito permette di avere il polso, praticamente in tempo reale, della fiducia dei consumatori e degli orientamenti di spesa settore per settore. «L'andamento delle nostre serie storiche corrisponde molto bene a quello dei principali indicatori di fiducia dei consumatori, segno di buona qualità. Inoltre la tempestività delle nostre rilevazioni è unica sul mercato», sottolinea Pallavicino.
Chi sale e chi scende
Se si va a disaggregare il dato di crescita delle operazioni «cashless» del mese di agosto, + 4,5% per l'appunto, risulta che alcuni settori confermano i trend di crescita strutturali e stagionali. «Archiviata freddamente la stagione dei saldi estivi, nel mese tradizionalmente legato alle vacanze gli italiani hanno concentrato il proprio potenziale di spesa soprattutto nel settore turistico», precisa Pallavicino. L'andamento del comparto viaggi e trasporti (+15%) e di alberghi e ristoranti (+2,2%) spiega i due terzi della crescita mensile rispetto allo scorso anno. In pratica senza il contributo di queste voci il tenore degli acquisti sarebbe stato inferiore all'aumento dei prezzi.
Tuttavia è necessario segnalare che la crescita del comparto viaggi e trasporti è stata notevolmente condizionata dalla corsa dei prezzi e ha visto aumentare di oltre venti punti percentuali il costo della voce carburanti. Il fenomeno inflazionistico ha inciso profondamente anche sul capitolo «trasporti persone», spinto al rialzo dal «caro traghetti»: +9,3%.
Andamento contrario a quello delle linee aeree, che hanno registrato un boom di acquisti pro-capite (+13,6%), a fronte di un costo biglietti sostanzialmente stabile (+0,6%). A spingere il settore viaggi e trasporti è stato inoltre l'utilizzo del canale online, che ha inciso per il 25%, a fronte di una media annua di mercato del 10% circa. Gli altri settori maggiormente soggetti alle forme di pagamento attraverso carta di credito, sono gli alimentari (12,8%), l'abbigliamento e calzature (9,8%).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa