Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Gli incontri tra Bce e banchieri: «Mai diffuse notizie sensibili»

BERLINO – Ieri, il «Financial Times» ha pubblicato un’inchiesta sugli incontri che alcuni membri del comitato esecutivo della Banca centrale europea hanno avuto con banche e fondi d’investimento pochi giorni o poche ore prima di riunioni importanti della Bce. Nessuno scandalo: è essenziale che chi si occupa di politica monetaria abbia una conversazione con chi sta sui mercati, per avere il polso delle opinioni e delle tendenze prevalenti tra chi muove miliardi ogni giorno.
D’altra parte, però, i dubbi di opportunità che questi incontri possono sollevare andrebbero chiariti: a quanto risulta al «Corriere», la Bce avrebbe già dato disposizioni affinché gli incontri futuri avvengano il meno vicino possibile a riunioni rilevanti e affinché ci sia una totale trasparenza su chi partecipa alle riunioni e su cosa discute. In risposta all’inchiesta, ieri la Bce ha commentato che durante gli incontri non è stata data alcuna informazione «sensibile», cioè capace di dare vantaggi a chi ha partecipato ai meeting.
L’Ft ha chiesto di vedere le agende dei membri dell’esecutivo della Bce, sulla base del Freedom of Information Act. Li ha ottenuti e ha visto che alcuni incontri sono avvenuti a ridosso di riunioni importanti per la fissazione della politica monetaria o di altre decisioni. In particolare, Benoît Cœuré e Yves Mersch avrebbero incontrato rappresentanti di Ubs, Cœuré anche Bnp Paribas e Black Rock.
Il vicepresidente Vítor Constâncio e il capo economista della Bce Peter Praet ebbero incontri con Algebris, il fondo di Davide Serra. Praet ebbe meeting anche con Bnp e Pimco. Scambi di opinione, probabilmente: che però arrivano in una situazione nella quale già, lo scorso maggio, un errore di tempistica della Bce aveva determinato che Cœuré desse informazioni ancora non pubbliche a un gruppo di finanzieri a Londra. D’ora in poi, la Banca centrale europea pubblicherà le agende dei membri del comitato esecutivo, con un lasso di tempo di tre mesi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa